Lourdes, riconosciuto il 69esimo miracolo: donna italiana guarisce da un tumore

La grotta di Lourdes
di Franca Giansoldati
Città del Vaticano - La commissione medico-scientifica del santuario di Lourdes ha riconosciuto un nuovo miracolo. Si tratta della sessantanovesima guarigione scientificamente inspiegabile da quando è stato istituito il Bureau Medical. La miracolata, stavolta, è una donna italiana, Danila Castelli, guarita in modo prodigioso, istantaneo e inconfutabile da una grave forma tumorale. Moglie di un ginecologo, madre di 4 figli, la donna nel 1989 si era recata in preghiera nella grotta dove apparve la Vergine alla pastorella Bernadette Sobirou, per chiedere la grazia.

Una storia di fede e di preghiera, quando ormai sembrava che per lei8 non ci fossero più speranze. Il suo calvario era iniziato diversi anni prima e i medici non le avevano dato alcuna speranza. Era anche stata sottoposta ad un complesso intervento chirurgico. Il viaggio nella cittadina dei Pirenei, dalla sua casa di Bereguardo, lo aveva pianificato nella disperazione, per chiedere il coraggio di affrontare la morte. Poi il prodigio. Subito dopo è stata inoltrata al Bureau Medical tutta la documentazione comprovante la piena guarigione e dopo una ventina d’anni è arrivato il verdetto. Miracolo. Ad annunciare il riconoscimento da parte dei medici francesi che hanno analizzato tutte le cartelle cliniche e lo stato di salute della donna è stato monsignor Giovanni Giudici, vescovo di Pavia.

Il “Bureau Medical” di Lourdes ha stabilito che la guarigione è avvenuta in circostanze che la medicina non può chiarire. Danila definisce la sua malattia  ‘’una bella storia d’amore con il Signore. In quegli otto anni ho vissuto momenti di intimità con Dio che credo si possano provare solo quando stai veramente male. Per questo non ho mai perso la gioia nel cuore. Paradossalmente quando sono guarita ero ovviamente felice, ma il mio primo pensiero è stato: Riuscirò ad amarlo così intensamente anche giù dalla Croce?’’.

Le apparizioni della Vergine avvennero l’11 febbraio 1858, in una grotta vicino al fiumiciattolo Gave. Bernadette disse di avere parlato con una signora in bianco che si sarebbe presentata a lei come l’Immacolata Concezione. L’apparizione fu la prima di una lunga serie che ebbe termine solo il 16 luglio. Nel frattempo un numero sempre maggiore di fedeli iniziò a frequentare la grotta, fino a quando, per ordine delle autorità locali questa non venne chiusa. Nell’ottobre di quello stesso anno, grazie anche all’intervento dell’imperatrice Eugenia, moglie di Napoleone III, le barriere vennero rimosse e la grotta riaperta al pubblico. Nel 1862 le apparizioni furono riconosciute ufficialmente dal vescovo di Tarbes. Nel 1957 fu edificata la terza basilica dedicata a Pio X e inaugurata da Roncalli nel marzo 1958, in occasione del centenario delle apparizioni. Si calcola che giungano annualmente a Lourdes circa sei milioni di visitatori l’anno.
Giovedì 7 Gennaio 2016 - Ultimo aggiornamento: 08-01-2016 19:10

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2017-07-31 14:16:22
Ieri ero a Borgo Sabotino ed ho notato che davanti la statua di Padre Pio sgorgava acqua dal terreno. Un cane aveva fatto i suoi bisogni a mezzo metro più lontano e ci ho pistato anche dentro. Mi sono pulito la scarpa con l'acqua che sgorgava ma mentre facevo ciò mi è anche venuto il dubbio che fosse acqua miracolosa nonostante pensassi che possa essere una perdita di acqua dei tubi del comune. L'ho detto ad un tizio cattolico ma non ci credeva proprio per niente che potesse trattarsi di qualcosa di anormale. Io credo comunque che date le circostanze, sarebbe il caso di darci un'occhiata. Non si sa mai cosa i Santi possano permettere quando da una vera sorgente non sorge più niente che possa essere di rispetto per i Santi italiani.
2017-07-31 15:04:28
Rispondo per correggermi perchè non è quello che volevo dire. Mi riferivo alla sorgente nel cuore dei fedeli.
2016-01-08 15:02:16
Pur essendo credente e pur sentendo che il signore mi ha aiutata in momenti difficili ( questione di fede) io mi chiedo: non è che la persona trova in se stessa, proprio per la fede, la forza di reagire mettendo in moto qualche meccanismo sconosciuto?
2016-01-08 14:44:23
Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire... motelko, mi sembra più che ovvio che le non guarigioni superino di gran lunga le guarigioni, Non è sufficiente andare per ottenere le grazie. Mi sembri come quelli che, studiando il Miracolo del Sole (Fatima 1917) avvenuto davanti a DECINE DI MIGLIAIA di testimoni, non hanno di meglio da dire che NON TUTTI hanno visto il miracolo. Davvero, siete bravi a leggere e veloci a sparare sentenze, ma molto timorosi all'idea di approfondire. Paura forse che di colpo crollino tutte le certezze che ci siamo costruiti in una 'vita'? Sapete come funziona il Boureau Medical? Anche io ho avuto difficoltà a credere e ve lo dico col cuore, provate ad approfondire gli avvenimenti che ruotano intorno alle singole esperienze, e non limitatevi a questo. Cercate e troverete.
2016-01-08 11:58:56
Perché denigrare e ridicolizzare questo articolo! per tutti gli atei la Fede è un Dono, purtroppo non a tutti è donato e di riflesso quindi neanche i miracoli purtroppo...Mi dispiace x voi atei ma vi rispetto e dovreste farlo anche voi con chi crede... ad ognuno la sua vita da credente o meno...
10
  • 475
QUICKMAP