Stalin e i nemici della rivoluzione: quattro condanne “esemplari”

di Carlo Nordio
Tra il 1936 e il 1938 si svolsero a Mosca tre processi quasi uguali. Stesso tribunale militare rivoluzionario, stesso accusatore, il noto Andrej Wisinskji, e stesso ispiratore, Giuseppe Stalin. L’incolpazione era quella del famigerato articolo 58 della Costituzione Russa: «Attività controrivoluzionarie». Gli imputati erano tutti alti esponenti del partito comunista, civili e militari. Molti erano stati protagonisti della Rivoluzione di Ottobre, compagni e amici di Stalin. Ma il dittatore non voleva concorrenti. Sotto...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 16 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 18-12-2017 15:15

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-12-16 10:02:46
un incubo della storia, a fare da ammonimento alla società umana affinché mai più si ripeta per i secoli dei secoli, speriamo. Anche se c'è chi ancora lo rimpiange e vorrebbe si ripetesse
1
  • 5
QUICKMAP