«Il sisma non ci ferma, torneremo tutti a casa»

Casette a Norcia
di Italo Carmignani
dal nostro inviato AMATRICE «Oggi è tranquilla, cantano anche i grilli», sorride Ernesto Torroni, alloggio 60, Campo Zero, moglie e tre figli, uno sfratto firmato dal terremoto, un rientro nella sua città Amatrice voluto come quella terra bombardata dalle scosse fosse la terra del latte e del miele. Nulla lo avrebbe fermato, né le macerie ancora intatte, le strade come fosse Beirut, le piastrelle e le infiltrazioni nelle nuove casette. Neanche i topi, quelli nascosti tra la vita ritrovata e il cartongesso...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 19 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 20-08-2017 15:14

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-08-19 22:25:43
In questa zona le abitazioni distrutte dal terremoto devono essere ricostruite con abitazioni antisismiche. Dette abitazioni sono piuttosto costose e quindi dovrebbero crearsi delle cooperative per le autocostruzioni dove ├Ę possibile.
1
  • 6
QUICKMAP