Sfide tv, il proporzionale manda in crisi il format

di Mario Ajello
Le scene madri, come quelle dei faccia a faccia tra Macron e Le Pen o del duello in prima serata tra Merkel e Schultz alla vigilia del voto tedesco a settembre, probabilmente non ci saranno nella nostra campagna elettorale in tivvù. Che rispetto al passato sarà tutta nuova. E non solo perché al maggioritario - che fu inaugurato dal braccio di ferro su Canale 5 nel ‘94 tra Berlusconi e Occhetto, buffamente pettinato come un’anziana signora piena di lacca - è subentrato il proporzionale all’italiana....
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 31 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 16:08

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-12-31 13:02:29
Le trasmissioni televisive di politica dovrebbero essere tutte cancellate. Semmai bisognerebbe tornare alle vecchie tribune politiche, con giornalisti estratti a sorte, altro che le passerelle di politici e giornalisti, sempre i soliti. Poi il dibattito politico dovrebbe svolgersi in particolare sulla carta stampata: verba volant e scripta manent.
QUICKMAP