Dalla Russia agli Stati Uniti è allarme rosso sul petrolio

di Flavio Pompetti
NEW YORK Emergenza rossa, anzi nera per il petrolio: mentre il brent è sceso ieri sotto i 30 dollari per la prima volta da 2004 e il Dow è precipitato a Wall Street di oltre 300 punti, produttori grandi e piccoli rischiano di dover gettare la spugna ed uscire dal mercato. Il rischio tocca le grandi corporation internazionali e gli imprenditori che hanno investito di recente sulle nuove tecnologie, ma coinvolge allo stesso tempo bilanci di interi stati ed equilibri globali. ULTIMO SEGNALE L’ultimo segnale di allarme...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 14 Gennaio 2016 - Ultimo aggiornamento: 15-01-2016 08:59

© RIPRODUZIONE RISERVATA
QUICKMAP