Vogue, la modella posa in copertina con il figlio down

di Giacomo Perra
Magari non produrrà una svolta. Di certo, però, la cover dell’ultimo numero dell’edizione olandese di Vogue ha segnato un bellissimo precedente: per la prima volta nella storia delle riviste di moda, infatti, a finire in copertina è stata una persona affetta dalla sindrome di Down.
 

Il bimbo (e non l’uomo) della “rivoluzione” ha poco più di tre anni, si chiama Micah ed è il figlio di Amanda Booth, indossatrice, attrice ed ex playmate che con lui compare nella pagina numero uno del celebre magazine.

Per nulla interessata a speculazioni sensazionalistiche o a farsi pubblicità, da tempo la Booth combatte una personale battaglia in favore dei diritti degli affetti dalla sindrome di Down e dei disabili in genere, troppo spessi ghettizzati e costretti a vivere una vita da “diversi”.

È proprio per dare linfa a questa sua lotta che la modella ha addirittura creato una pagina Instagram - LifewithMicah - dedicata al figlio: lì condivide quasi quotidianamente foto del suo piccolo, avuto dall’imprenditore Mike Quinones, e pensieri a sostegno del tema delle pari opportunità.
Luned├Č 27 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 11:39

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 718
QUICKMAP