Tomboy Style: in un libro l'intrigante sensualità della donna che si veste come un lui

NEW YORK - Allo stile Tomboy, quello che veste le donne con abiti maschili, sfacciato, raffinato e sottilmente sensuale, č dedicato il volume «Tomboy style. Beyound the boundaries of fashion»
(Rizzoli International) di Lizzie Garrett Mettler, giornalista e autrice del blog tomboystyle.com. «Questo look va al di là della semplice idea di prendere in prestito vestiti maschili - spiega la Garrett Mettler. Chi lo sceglie condivide un intrigo invisibile coltivando la fiducia in se stessa, la ribellione, l'inestinguibile voglia di avventura». Tomboy però non è solo esteriorità: è uno mood che rispecchia ugualmente il coraggio e lo spirito di fondare una rock band, di indossare la cravatta in ufficio, di passeggiare in giro per Parigi in smoking. Lizzie Garrett ha raccolto una storia fotografica delle donne che negli ultimi 80 anni hanno passato il confine tra maschile e femminile, analizzando l'evoluzione del look e le sue icone, donne come Marlene Dietrich, Katharine Hepburn, Alexa Chung, Diane Keaton, Charlotte Gainsbourg, Katharine Hepburn. E soprattutto Jane Birkin: «Aveva sempre i capelli arruffati - ricorda la blogger - e indossava semplicemente jeans e una T-shirt bianca eppure era sempre chic. Riusciva a fare diventare sexy persino un casco da motocicletta». Nel libro anche i sette tipi di maschiaccio a cui ispirarsi: la ribelle, la sofisticata, la sportiva, la prep, l'avventuriera, la ragazza della porta accanto e la naturalista. Ci sono poi i designer che propongono lo stile in passerella, come Isabel Marant, Stella McCartney e Céline e qualche consiglio pratico. «il tomboy - spiega la scrittrice - si può tranquillamente realizzare anche con capi low cost o, ancora meglio rubando dagli armadi di papà, mariti e fidanzati».
Mercoledì 3 Aprile 2013 - Ultimo aggiornamento: 16-04-2013 14:17

© RIPRODUZIONE RISERVATA
QUICKMAP