La gonna a ruota compie 70 anni (ma non li dimostra): ecco come indossarla

di Valentina Venturi
E' il 1947 quando Christian Dior al 30 di Avenue Montaigne di Parigi presentava la collezione "New Look". Sfilavano silhouette inedite con spalle arrotondate e linee fluide. Ma la gonna, geniale creazione di Dior, diventava una corolla su un vitino di vespa. Nasceva così la gonna a ruota, svolta creativa, evolutasi fino ad oggi: da iperfemminile, nel corso degli anni si è adattata alle epoche allungando o accorciando l'orlo.

Oggi, dopo 70 anni, torna prepotentemente di moda: a corolla o a ruota, danzante, con quell'allure francese bon ton e a vita alta, la gonna a vita alta non può mancare nei guardaroba più attuali, anche in versione 'rock' corta a metà coscia o in pelle nera, con giacca di pelle stile biker e tacchi alti. L’importante è che sia ampia e voluminosa. Ma si veste anche di stampe: tra le più glamour le floreali o con motivi geometrici, per un look divertente l’ideale sono le multirighe colorate o le bars a due colori, mentre chi ama la semplicità predilige la tinta unita. Ampia la palette cromatica, che va dai colori intensi alle sfumature pastello, in perfetto stile "Grease".
 

I modelli a vita alta e stretta sono di lunghezza midi, appena sotto le ginocchia, da abbinare a scarpe basse o ad un paio di tacchi, per un look adatto da mattina a sera. La lunghezza mini, in voga tra le ragazze, si indossa con sandali rasoterra per un’occasione più formale o con sneakers per un look urbano e grintoso. Infine la versione maxi che arriva al polpaccio, e in alcuni casi alla caviglia, è sempre in accostamento a scarpe basse.

Unica regola aurea da rispettare: evitare i capi lunghi ed ampi, che nascondono il punto vita e fanno apparire il busto corto e tozzo.
Domenica 9 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 10-07-2017 16:01

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 32
QUICKMAP