Perugia, accoltella due giudici per vendicarsi di una sentenza sfavorevole: condannato a 12 anni

Armato di due coltelli, si era introdotto negli uffici del tribunale civile di Perugia e aveva ferito due magistrati della sezione fallimentare. Poi, era stato arrestato. Ora, con l'accusa di tentato omicidio, l'albergatore di Spello, Roberto Ferracci, 53 anni, è stato condannato a 12 anni di reclusione. La sentenza, disposta dal gup Alessandro Moneti, è arrivata al termine di un processo condotto con rito abbreviato. Il pm Leopoldo De Gregorio aveva chiesto una condanna a 15 anni.

Per l'accusa, Ferracci, attualmente detenuto nel carcere di Perugia, avrebbe agito a seguito dell'esito sfavorevole di una controversia aperta da una società di famiglia con una banca. Per quella "sconfitta", l'imputato riteneva responsabile la giudice Francesca Altrui. Aveva quindi raggiunto la donna nel suo ufficio e la aveva accoltellata alle spalle. In soccorso della vittima era arrivato il collega Umberto Rana, raggiunto a sua volta da una coltellata al petto.
Venerdì 9 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 10-02-2018 22:54

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-02-10 21:53:19
se tocchi i togati,condanna immediata!
2018-02-10 13:41:53
Secondo la stitistica torti subiti dai cittadini, non dovrebbero rimanere piu giudici.
2018-02-10 11:41:46
Solo quattro anni meno di di quanto inflitto ultimamente a tantissimi assassini. E' invalsa,infatti, la regola del 16. Basta percorrere all'indietro le cronache di questi ultimi anni. Ma le vittime non erano state magistrati o parenti di magistrati. Si è riusciti a far scempio dell'equità che dovrebbe essere il cardine attorno a cui ruota l' attività di " giudice".
2018-02-10 09:07:21
ho letto due commenti sotto di due sociologi illustri. Ora non si commenta più il fatto (un tizio accoltella due persone) ma esprimiamo l'opinone sul film che ci piace vedere nei fatti. Trovo sia gravissimo, surreale e folle. Ma per il fatto di "poter" dire tutto quello ci passa per la testa ci convinciamo di essere noi nel giusto mentre gli altri "chisssà quali interessi vogliono difendere". Siamo alla frutta.
2018-02-10 11:49:12
NOn siamo alla frutta, ormai è arrivato pure il caffè! Secondo lei è più grave che un pazzo tenti o accoltelli una persona, o il fatto che la giustizia in italia è ormai amministrata da INCOMPETENTi o CORROTTI?
10
  • 196
QUICKMAP