Milano, 20enne accoltellata, il tranviere confessa: «L'ho uccisa perché provava a difendersi»

Jessica prima di essere uccisa ha cercato di difendersi ma io «ho rigirato il coltello» che aveva in mano contro di lei e «l'ho colpita allo stomaco». È la spiegazione data al pm Cristiana Roveda e agli uomini della Squadra Mobile di Milano da Alessandro Garlaschi, il tranviere di 39 anni accusato di aver assassinato la 19enne Jessica Valentina Faoro e di aver cercato di bruciarne il corpo dopo che che la giovane aveva opposto resistenza ai suoi approcci.
Giovedì 8 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 10-02-2018 16:09

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 43 commenti presenti
2018-02-08 12:22:02
Reo confesso di un omicidio volontario aggravato da motivi abietti. Ergastolo immediato, senza perdere tempo in processi e processetti.
2018-02-08 12:10:36
Definirlo tranviere mi sembra inappropriato ed ingeneroso verso la categoria di lavoratori dei trasporti. Perchè qualificare un delinquente associandolo alla sua professione??
2018-02-08 12:20:20
SenZa voler difendere nessuno (ci mancherebbe!) sono convinti che certe giustizie fai da te non accadrebbero qualora la giustizia ufficiale comminasse pene severe e certe per questi episodi.
2018-02-08 15:12:25
@ Ragazza uccisa, l'assassino vuole farsi passare da aggressore ad aggredito per evitare l'ergastolo. Tuttavia potrebbe riuscire lo stesso a farla franca contando sui tre gradi di giudizio spalmati in alcuni anni o patteggiamento anticipato su 30 anni di eventuale magnanima condanna per ridurre la pena di un terzo e contare sull'aiuto delle commissioni carcerarie dei fatebenefratelli per dimezzare la permanenza in galera e uscire dopo 10 anni di galera, libero di riprovarci. A questo punto cosa facciamo? facciamo una ennesima e inutile fiaccolata per la ragazza uccisa o si costringe il Parlamento a cambiare il codice penale? opterei per affibbiare l'ergastolo secco a questi farabutti come monito per tutti gli altri. Così facendo lo Stato darebbe soddisfazione alle famiglie delle vittime troppo spesso offese.
2018-02-08 15:27:16
«L'ho uccisa perché provava a difendersi» (!) Una giustificazione di questo genere dimostra l'instabilità mentale di questo personaggio che crede d'essere nel giusto nel reclamare la libertà d'aggressione ... la sua!
43
  • 2,1 mila
QUICKMAP