Welfare e orari flessibili: gli accordi pilota in Italia

di Andrea Bassi
La riduzione dell’orario di lavoro da 35 a 28 ore in Germania divide sindacati e industriali in Italia. I primi plaudono ai tedeschi “apripista”, i secondi sono più prudenti. Anche perché, come sottolinea il vice presidente di Confindustria, Maurizio Stirpe, «quello tedesco è un accordo sperimentale, limitato ad una delle zone più ricche d’Europa dove c’è una piena occupazione». Insomma, replicarlo in Italia in un contratto collettivo non è semplice...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 8 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 08:02

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-02-09 10:12:12
I cinesi, gli indiani, i sudcoreani etc fanno gli accordi pilota da 80 ore a settimana: fosse per quello che le loro economie crescono? Qui c'è troppa gente che crede di uscire dalla crisi con i trucchetti finanziari. Una volta mussolini imponeva la "quota 90" oggi i destrorsi sono contro l'austerity. I tempi cambiano.
2018-02-08 08:45:19
stranamente in italia quando si devono fare delle migliorie sul lavoro, per esempio riduzione dei ben conosciuti oppressivi orari di lavoro, da 8 ore lavorative ridurle a 6, per dare ad altri la possibilita' di lavorare, oppure in caso di perdita del lavoro, implementare un giusto welfare come in germania, tutto e impossibile e niente e' semplice per questo stato che non e' uno stato & i suoi associati ruffiani. Pero'....per quei 390mila signori che continuano ad arricchirsi e di cui detengono la maggiore ricchezza del paese, circa il 70%, per questi campioni della disuguaglianza, tutto e' semplificato e spianato per spolpare meglio i lavoratori e il resto degli italiani, ovviamente con la complicita' dei palazzinari e dei sindacati che fanno il doppio gioco. Poi...per completare, ci mettiamo le 4 onorevoli mafie e tutte le truffe e le ruberie che avvengono puntuali ogni giorno, e abbiamo completato il fantomatico "bel paese" con i tutti i suoi allocconi al seguito che credono ancora a questa corrotta e cammuffata democrazia.
2018-02-08 14:54:35
Primo le ricordo che i "4 onorevoli e le mafie" hanno governato per decenni con il consenso della maggioranza degli italiani. Secondo 8 ore sono troppe? I cinesi lavorano 80 ore a settimana ed è questo il motivo per cui ci faranno a pezzi.
2018-02-09 10:13:22
Stranamente in Italia la gente pensa che si uscirà dalla crisi lavorando di meno... che idea curiosa.
2018-02-08 08:16:17
Niente di nuovo sotto il sole di Germania. Anche all'inizio degli anni duemila, i lavoratori tedeschi accettarono la diminuzione dell'impegno di lavoro e di retribuzione per far fronte alla crisi dovuta all'onda lunga dei costi della riunificazione. Sarebbe una soluzione opportuna anche per l'Italia, soprattutto in casi di aziende in bancarotta strutturale, dicasi Alitalia, Atac ed altre realtà simili, ma purtroppo è impraticabile. Perché gli stipendi in queste aziende non sono quelli tedeschi, che lasciano spazio a sacrifici; qui gli stipendi sono già da fame al loro valore normale e non possono essere ulteriormente ridotti.
5
  • 58
QUICKMAP