Germania, accordo raggiunto sulla Grosse Koalition. La Merkel cede ai socialisti due ministeri

Dopo una notte di negoziati, Cdp-Csu e Spd hanno trovato all'alba l'accordo per la formazione del nuovo Governo. Ad annunciarlo è il sito del settimanale di Amburgo Der Spiegel, secondo cui sarebbe stata anche concordata la ripartizione dei ministeri. Il partito di Angela Merkel avrebbe ceduto ai socialisti il Ministero degli Affari Esteri e i portafogli Finanze e Lavoro. 

Secondo la Dpa, invece, ci sarebbe l'accordo sulla distribuzione dei ministeri, ma i leader si starebbero ancora confrontando sul resto. Dopo una seconda proroga delle trattative rispetto alla scadenza di domenica scorsa, il negoziato è proseguito per tutta la notte e nelle prime ore della mattinata. Punti difficili della trattativa, a quanto emerso, sono i contratti a tempo determinato, la riforma del sistema sanitario e la distribuzione dei ministeri. Il socialdemocratico Olaf Scholz, attualmente sindaco di Amburgo, dovrebbe diventare ministro delle Finanze del governo della Grosse Koalition in Germania, sempre secondo la Dpa che cita fonti delle trattative.

 
Mercoledì 7 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 08-02-2018 07:48

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-02-07 11:50:08
noi riforma del lavoro con renzi=licenziamento facile...loro mantengono posti di lavoro con possibilità di scelta a 28 ore lavorative a settimana.,........ andiamo tutti in germaniaaaaaaaa
2018-02-07 15:04:06
....28 ore medie a settimana magari in turni inclusi weekend, notturni e festivi....
2018-02-07 17:27:29
i tedeschi hanno fatto der Grosse Koalition per salvare la Germania dai troppi soldi che hanno... pensa te che succederà in Italia dopo le elezioni quando i nostri politici si dovranno accontentare dei troppi buffi che abbiamo!
2018-02-09 10:18:07
Quello scritto nei sui 2 post da ammanius, è stato molto chiaro nell`indicare il lavoro in Germania. In questo paese esiste una preparazione, sia scolastica sia di apprendistato molto effettiva.Secondo il mio punto di vista. i due paesi Italia e Germania non si possono confrontare diettamente,in quanto la mentalita delle persone e il sistema sul dafare sono diversi.Bisogna però ricordare che in Germania gli stipendi sono si superiori a quelli italiani però in questo vaso bisognerebbe differenziare i lavori che si fanno.Prima cosa non tutte le aziende pagano una tredicesima mensilità. Solo la grandi multinazionali le pagano. Poi a fine contratto lavorativo ufficialmente non esiste una liquidazione, come è ancora presente in Italia, anche in questo caso solo le multinazionali danno una specie di cassa pensionistica lavorativa da aggiungere alla pensione di stato.In questa cassa contribuisce come regola per il 70% l`azienda e per il 30% il dipendente.Anche i pensionati non percepiscono una tredicesima, come è presente ancora oggi in Italia.Le pensiono non sono poi esageratamente alte. Infatti öa media per gli uomini dopo 42 anni lavorativi è di.1.270 Euro netti per gli uomini e 960 Euro sempre netti per le donne.Poi
2018-02-09 09:32:55
x vmax I soldi non si "hanno", i soldi si guadagnano con il lavoro. I tedeschi si sono ritrovati con un paese distrutto dalla guerra, hanno lavorato e lo hanno ricostruito. Punto.
QUICKMAP