Oms, l'allarme: 500mila casi di infezioni resistenti agli antibiotici

Dalla e.coli allo stafilococco aureo, è boom di persone colpite da infezioni resistenti agli antibiotici: nel mondo se ne contano almeno mezzo milione. Il nuovo dato arriva dal primo rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) sulla sorveglianza dell'antibioticoresistenza ma la stima è molto inferiore ai dati reali. Ad oggi, infatti, sono disponibili solo i dati relativi a 22 Paesi. Inoltre nel computo non rientrano i casi di resistenza a infezione da tubercolosi (Tbc).

Il sistema di sorveglianza Global Antimicrobial Surveillance System (GLASS) è stato lanciato dall'Oms nell'ottobre 2015 per far fronte a un'emergenza crescente, quella di super batteri che non rispondono agli antimicrobici normalmente utilizzati per debellarli. Tra i pazienti con sospetta infezione resistente, la percentuale di quelli con batteri resistenti ad almeno uno degli antibiotici più comunemente utilizzati variava enormemente tra i diversi paesi, da zero all'82%. La resistenza alla penicillina, la medicina usata per decenni in tutto il mondo per trattare la polmonite, variava da zero al 51% tra i paesi segnalanti.

I dati «sono preoccupanti soprattutto perché i patogeni non rispettano i confini nazionali», sottolinea Marc Sprenger, direttore del Segretariato della resistenza antimicrobica dell' OMS. Ad oggi, dei 52 paesi (di cui 25 ad alto reddito) sono iscritti al sistema GLASS. Ma per il primo rapporto, solo 40 hanno fornito informazioni sui loro sistemi di sorveglianza nazionali e solo 22 hanno anche fornito dati sui livelli di resistenza. «Il rapporto è un primo passo fondamentale per migliorare la nostra comprensione dell'entità della resistenza antimicrobica. La sorveglianza è agli inizi, ma è fondamentale svilupparla se vogliamo anticipare e affrontare una delle più grandi minacce alla salute pubblica globale», afferma Carmem Pessoa-Silva, che coordina il nuovo sistema di sorveglianza. I batteri resistenti più comunemente riportati sono stati Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae, Staphylococcus aureus e Streptococcus pneumoniae. Non sono inclusi però i dati sulla resistenza del batterio che causa la tubercolosi (TBC), dal momento che l' OMS fornisce aggiornamenti annuali in un rapporto specifico. Secondo quest'ultimo, nel 2016 sono stati almeno 490.000 i casi di TBC multiresistente, da aggiungere quindi al computo totale.
Lunedì 29 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 30-01-2018 10:41

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-01-29 12:52:17
Terrorismo mediatico!!! Perché non si parla della Sanità in Bulgaria e del loro metodo che non usa antibiotici ma si parla di virus modificati. Poi se c'è tutto questo allarme perché continuate ad autorizzare antibiotici negli animali , quando sappiamo bene sono la prima causa di questo problema. Poi per limitare determinate contaminazioni come l'influenza, perché non si installano dei purificatori d'aria nei bus e nelle metro. Perché non disinfettiamo i Scuole Bus Metro Treni ogni giorno da settembre a maggio per ridurre il contagio?
2018-01-29 13:07:46
E quando decine di migliaia di immigrati clandestini provenienti da paesi dove la gente vive nella sporcizia e va di corpo nelle strade entrano in Italia senza controlli medici, chissa' quanti portano con se' questi batteri-killer.
2018-01-29 13:18:55
Niente di nuovo. Nonostante gli avvertimenti l'abuso ha continuato con questi risultati previsti.
2018-01-29 14:23:25
Io sono un sempice insegnante.Nel mondo,pero', ci sono migliaia di scienziati che anziche' sperimentare nuove armi nucleari o batteriologiche giocando al piccolo chimico con virus e batteri,potrebbero rimboccarsi le maniche e cominciare a sperimentare farmaci in grado di combattere queste nuove infezioni!!!
2018-01-29 16:20:20
il commento direi è fuorviante, in realtà i batteri resistenti proliferano proprio in quelle nazioni benestanti dove si è fatto un largo e sconsiderato uso di antibiotici
11
  • 75
QUICKMAP