Scuole autogestite, una moda che può mettere nei guai i prof e gli studenti

di Lorena Loiacono
Nelle scuole l'autogestione viene considerata una protesta leggera, ma le conseguenze possono essere pesantissime. L'autogestione infatti spesso viene concordata a tavolino tra gli studenti, i dirigenti scolastici e il corpo docenti. Le lezioni alternative vengono messe a punto in base a programmi precisi e l'atmosfera, tra i corridoi della scuola, dovrebbe essere rilassata e senza scontri interni. L'autogestione infatti non prevede lo scontro tra studenti favorevoli e contrari alla protesta, né crea dissidi con la...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 26 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 27-01-2018 19:39

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2018-01-26 08:42:09
le autogestioni sono state sempre fatte da facinorosi e vandali .mi ricordo il 68 e dei danni fatti all'università di Roma che conosco bene dato che era il mio anno di laurea.l'esaltazione del 68 è pura speculazione politica e purtroppo molti della manovalanza di allora è finita in politica con le conseguenze che conosciamo ma per moda nascondiamo .Per ripicca quando mi dicono :ho fatto il 68 rispondo:e io il 69
2018-01-26 09:00:25
L'Autogestione è una Follia, se portata avanti con spirito Anarcoide che permea i governi di Sinistra. Perchè NON si è ancora capito che lo Stato e le sue Istituzioni non possono servire DUE PADRONI, di Bibblica Memoria, ovvero il CONTROLLO rigido e deresponsabilizzato dei Minori, che li vorrebbe addirittura accompagnati nel tragitto Casa - Scuola, dai Genitori o da apposito Controllore, dall'altra parte lasciare la Massima Libertà di Autogestione, non solo personale, ma dei rapporti tra compagni di classe o di Scuola, in una fase in cui gli ormoni sono in subbuglio e così pure elevati gli stimoli allo sballo ed affrontare situazioni rischiose. Al solito, "in medio stat virtus" ovvero, Non totale Autogestione, ma Attività parzialmente Autonome, sotto controllo. Parla un ex docente che nei decenni precedenti si è preso il coraggio (incosciente) di portare in Gita per l'Italia classi Miste di Adolescenti. Ora non lo farei più, pur con buona volontà ed impegno dei Docenti, troppe sono OGGI le insidie che i ragazzi sono portati a sfidare. E sempre più bassa l'educazione familiare.
2018-01-26 10:50:52
Autogestione; un modo come un altro per mascherare la sostanza delle cose con le parole. Sembra che il Preside e i Professori siano comunque responsabili? A fine anno questi studenti avranno imparato qualcosa?
2018-01-26 16:23:41
Com eho gia' commentato in un altro articolo, il fenomeno delle autogestioni e' sostanzialmente un'aberrazione. Gli studenti che pretendono di "atuogestirsi" per una settimana con finalita' culturali.... suona bene come una certificazione di verginita' per Cicciolina! Si facevano le autogestioni anche quando (sembrerebbe qualche millennio fa) andavo a scuola io: la prima volta ci cascai, sprecai un'intera giornata a cercare di organizzare un "gruppo di lavoro" che era troppo intento ad oziare, giocare a carte, bere birra, mangiare le il pollo con le patatine sulla cattedra etc. A meta' giornata mandai tutti a quel paese e me ne tornai a casa a fare qualcosa di veramente produttivo. Un paio di mesi dopo una compagna di scuola annuncio' la gravidanza... risultato dell'autogestione. Daiiii siamo seri!!!
2018-01-26 15:06:02
Come può un docente essere ritenuto responsabile del comportamento dei propri studenti se questi sono liberi di trovarsi in un punto qualsiasi dell’edificio, in qualsiasi momento? È ridicolo, io mi rifiuterei e nessun giudice mi darebbe torto!
9
  • 31
QUICKMAP