Roma, overdose di vodka in classe, i genitori: «In coma per una scommessa»

di Raffaella Troili
Si somigliano, lei è piccola come la figlia, stremata anche lei, seppure resta in piedi davanti al letto, solo ogni tanto si siede e si copre il volto con le mani. È sola al capezzale della quindicenne del Russell finita in Terapia intensiva al San Giovanni.  Come sta ora sua figlia? «Sta meglio, per fortuna, ma non riusciamo a parlare». Ha un filo di voce, ancora la paura sul viso, nessuna forza, forse un po’ di vergona. Concentrata su quel che è successo, rimugina mentre la figlia guarda il...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 25 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 26-01-2018 08:09

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-01-25 13:21:01
questi giovani ci dovrebbero pagare le pensioni? meglio allora gli africani
2018-01-25 12:31:11
Non diamo la colpa al '68... sono passati 46 anni...
2018-01-25 13:29:42
Ma come stiamo ancora dando la colpa ai Borboni per l'arretratezza del Sud!
2018-01-25 11:58:07
Dal '68 non è cambiato niente, occupazioni per fare bagordi, ma nel '68 si faceva anche altro di molto piacevole......
2018-01-25 13:24:03
Tipo?
13
  • 169
QUICKMAP