Molestie a scuola, Fedeli: «Chi approfitta del ruolo deve lasciare la cattedra»

di Maria Latella
No ai test psicoattitudinali perché fotografano l'esistente all'inizio di una carriera, non possono prevedere come negli anni si svilupperà la personalità di un docente. No ai decaloghi che scandiscono il comportamento da tenere con gli allievi, a scuola e sui social. Il tema non è proibire. È rafforzare la consapevolezza: con gli studenti si discute di scuola o di problemi dell'allievo. È ovvio che non si può e non si deve andare oltre. Dunque, per il ministro dell'Istruzione...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 18 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 09:36

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-01-18 13:21:14
La signora dovrebbe occuparsi delle strutture fattiscenti e della carta igienica assente in tutte le scuole per il resto ci pensa la magistratura.
2018-01-18 12:38:07
Non importa l'argomento .....questa è meglio non sentirla in ogni caso! Paladina della politica dell'ovvietà per ricordare agli altri della sua esistenza.
2018-01-18 10:53:59
faccia il professore in galera .. magari impara pure qualcosa dagli altri detenuti ..
2018-01-18 10:14:02
Chi approfitta del ruolo deve lasciare il ministero, specie se non ne ha titolo
2018-01-19 15:48:45
Indubbbiamente chi ricopre un incarico del genere dovrebbe essere laureato. Ci purtroppo in nome dei principi di uguaglianza a cui si ispira la nstra costituzione non può essere imposto per legge. Quello del ministro è un ruolo politico e quindi si diventa ministri tramite nomina politica non per il titolo di studio. La cosa interessante è che l'unico presidente del consiglio italiano fino ad oggi a non aver avuto una laurea è stato Bettino Craxi che a suo tempo governò con una maggioranza di centro destra. Nessuno a destra allora protestò.
QUICKMAP