Louise Brown, la prima bimba concepita in vitro nel 1978: «Ma quale cicogna, mi portò la provetta»

di Cristina Marconi
Quando quasi quarant’anni fa Louise Brown è venuta al mondo, il mondo ha strabuzzato gli occhi. Di suo, quella bimbetta di due chili e 600 grammi era un miracolo: che un essere umano sano potesse nascere grazie ad una fecondazione avvenuta in vitro, per essere esatti su una piastra di Petri (il vetrino delle colture), sembrava assolutamente impossibile, tanto che il parto - un cesareo per ragioni di sicurezza - venne filmato per avere una prova inoppugnabile che Louise, piangente e urlante come tutti i neonati, fosse uscita...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 10 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 23:03

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 1
QUICKMAP