Incidente in A21, polizia: «Schianto provocato da distrazione del camionista»

«La causa dell'incidente è ascrivibile a una distrazione del conducente del mezzo pesante che ha tamponato l'auto e poi l'autocisterna». Lo ha detto il comandante della Polizia stradale di Brescia, Barbara Barra, parlando dell'incidente nel quale ieri pomeriggio lungo l'autostrada A21, all'altezza di Brescia, sono morte 6 persone. «Tutti i veicoli erano in fase di rallentamento anche perché le cose erano segnalate. Purtroppo il mezzo pesante - ha aggiunto Barra - non è riuscito a interrompere la propria corsa».​
 
 

Intanto è stato identificato il proprietario dell'auto con targa francese sulla quale ieri sono morte cinque persone. Si tratta di un uomo di nazionalità francese e le autorità stanno cercando di stabilire se era alla guida, o comunque a bordo, del veicolo che ha preso fuoco dopo essere stato agganciato e trascinato da un camion contro un'autocisterna carica di benzina che è esplosa. Nell'incidente è morto anche l'autista del camion che ha tamponato la vettura. Nel frattempo proseguono i sopralluoghi nel tratto autostradale interessato dallo scontro, ancora chiuso al traffico con uscita obbligatoria a Manerbio.

«Credo che a breve riusciremo a identificare le cinque vittime che viaggiavano a bordo dell'auto», ha assicurato Barbara Barra, la Comandante della Polizia stradale di Brescia che si trova nel tratto di A21 ancora chiuso al traffico. Il camionista deceduto è stato già identificato: si tratta di un italo-macedone che era residente in Piemonte. «Non abbiamo ricevuto segnalazioni dall'estero - ha aggiunto Barra -, ma grazie ai prelievi effettuati dai biologi messi a disposizione dalla Polizia Scientifica di Milano che ha collaborato con quella di Brescia riusciremo attraverso il Dna a dare un nome alle cinque persone morte carbonizzate in auto».

 
Mercoledì 3 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 04-01-2018 14:12

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2018-01-03 15:49:17
comunque sempre e solo gente dell'Est europa.....hanno fatto più vittime loro in italia che una guerra
2018-01-03 16:48:14
Non è questo il punto. Il problema è la distrazione. Ha mai telefonato quando guida? E' stato fortunato che non sia successo nulla; non sempre va bene, però.
2018-01-03 15:15:37
Francamente non ho capito in base a quali elementi CERTI si possa fare già una affermazione così perentoria. È forse l'ipotesi più probabile ma prima di sbattere il mostro in prima pagina io sarei stato più cauto. E se fosse stato un malore o un guasto meccanico? Avrei almeno atteso qualche riscontro prima di emettere una sentenza così grave dopo sole 24 ore. Che poi il malcostume di chattare o postare sia una vergognosa pandemia, quasi mai repressa, purtroppo è ormai innegabile con tutte le conseguenze anche tragiche che provoca.
2018-01-03 17:29:08
Stia tranquillo che le forze dell'ordine,oltre a conoscere bene i propri polli,hanno sicuramente fatto i rilevamenti del caso,mi creda,non tutti esprimono giudizi solo per il piacere di farlo....
2018-01-03 19:55:57
Onestamente non so su cosa si siano potuti basare. Il cronotachigrafo è andato sicuramente distrutto nell'incendio e non so se in così poco tempo abbiano potuto fare rilevamenti sui dati gps. Intanto stasera al TG stavano ancora aspettando l'esito dell'autopsia...
14
  • 675
QUICKMAP