Rom, il flop del piano per chiudere i campi: «I fondi Ue rischiano di andare persi»

di Alessia Marani
La chiusura dei campi rom deliberata nel 2017 dal Campidoglio? Resta un miraggio. Anzi. La situazione è addirittura peggiorata con la trasformazione, di fatto, del Camping River da struttura autorizzata a un nuovo maxi-insediamento abusivo. Il centro sulla Tiberina doveva chiudere ufficialmente battenti il 30 settembre, invece, solamente una manciata di nuclei familiari ospitati (come prevedibile) è riuscita a trovare un alloggio in affitto dai privati dietro la garanzia del Comune e, così, circa 400 persone, molti minori,...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 3 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 07:42

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 7 commenti presenti
2018-01-03 10:00:42
Bisogna co.prare appartamenti privati a Roma per i Rom e chiudere i campi. Per fare questo ci sono i soldi della UE e i soldi provenienti dalle tasse che pagano i romani. Questa Giunta comunale è del tutto indetta e incompetente. Raggi vattene!
2018-01-03 13:10:34
e certo, io pago le tasse per comprare casa ai rom........ Ahhhhh i danni della legge Basaglia.......
7
  • 139
QUICKMAP