Roma, tenta di violentare una donna: poi fugge e molesta i bambini che giocano al parco

Foto di repertorio
E' sbucato all'improvviso da un anfratto del Parco degli acquedotti, scagliandosi addosso ad una trentacinquenne italiana che, palpeggiando, ha cercato di trascinare tra le vegetazione.

La donna peró non si è persa d'animo e dopo essere riuscita a sottrarsi alla violenza, ha chiamato il proprio marito, un agente di polizia locale in forza al Gssu, che a sua volta ha allertato i colleghi. Immediata è scattata la caccia all'uomo da parte dei caschi bianchi romani, coordinati dal vice Comandante del Corpo Lorenzo Botta.

Il maniaco, risultato poi essere un cittadino bengalese di 30 anni è stato rintracciato e sorpreso ancora all'interno del parco, mentre si stava masturbando davanti ai bambini in prossimità dell'area dedicata ai giochi. Alla vista degli agenti il bengalese ha reagito con calci e pugni, tentando di procurasi con violenza la fuga. Arrestato è stato condotto presso le celle di sicurezza, in attesa dell'udienza che si terrà per direttissima, domani mattina presso il Tribunale di Piazzale Clodio.
Martedì 2 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 18:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 41 commenti presenti
2018-01-02 22:10:05
Lo Stato deve saper distinguere chi può stare in Italia e chi no. Come si fa? Si ingegni e si dia da fare, oppure fuori tutti e non entra più nessuno se non offre garanzie più che adeguate. In alternativa, avanti così, sempre peggio...
2018-01-02 22:09:39
Gli effetti benefici dell'arricchimento culturale...
2018-01-02 22:02:35
già domani , appena "condannato", -e sai che preoccupazione per il bengalese maniaco-, verrà rimesso in libertà e non verrà rimpatriato. alla prossima tentata violenza.
2018-01-02 22:01:19
Ma rimandatelo da dove è venuto sto maniaco! E se non si fosse accontentato solo di masturbarsi,ma avesse aggredito un bambino?
2018-01-02 21:42:42
Altra risorsa che secondo il pd bisogna integrare !!!
41
  • 2,1 mila
QUICKMAP