Il messaggio Urbi et Orbi del Papa: «Per la Terrasanta due Stati e confini riconosciuti»

di Franca Giansoldati
Città del Vaticano - Natale pieno di ombre. «Sul mondo soffiano venti di guerra e pesa un modello di sviluppo ormai superato che continua a produrre degrado umano, sociale e ambientale». Il Papa sceglie il giorno in cui si festeggia la nascita del Salvatore per una pesantissima denuncia collettiva e per mettere in guardia la comunità internazionale da un sistema economico e finanziario dominante capace di creare troppe divisioni e squilibri, ogni più profondi.

Il messaggio Urbi e Orbi che rivolge al mondo dalla loggia delle Benedizioni è denso di riflessioni mutuate dalla stretta attualità. Il Papa elenca i principali punti di crisi a cominciare dal Medio Oriente dove tutto si è complicato a causa dell’annuncio degli Usa di Trump di spostare a Gerusalemme la propria ambasciata. Papa Francesco chiede di pensare soprattutto ai bambini, al loro avvenire rubato, ai traumi subiti, alle conseguenze che pesano sulla vita di intere generazioni.


 


«In questo giorno di festa invochiamo dal Signore la pace per Gerusalemme e per tutta la Terra Santa; preghiamo perché tra le parti prevalga la volontà di riprendere il dialogo e si possa finalmente giungere a una soluzione negoziata che consenta la pacifica coesistenza di due Stati all’interno di confini concordati tra loro e internazionalmente riconosciuti».

Allo stesso modo rammenta la Siria e poi di seguito una lunga lista di luoghi segnati dalla violenza.
«Vediamo Gesù nei volti dei bambini siriani (...) Vediamo Gesù nei bambini dell’Iraq, ancora ferito e diviso e nei bambini dello Yemen, dove è in corso un conflitto in gran parte dimenticato. Vediamo Gesù nei bambini dell’Africa, soprattutto in quelli che soffrono in Sud Sudan, in Somalia, in Burundi, nella Repubblica Democratica del Congo, nella Repubblica Centroafricana e in Nigeria».

Francesco nel messaggio al mondo non dimentica nemmeno i figli dei disoccupati. I loro genitori,
«non hanno un lavoro e faticano a offrire ai figli un avvenire sicuro e sereno. E nemmeno i bambini a cui è stata rubata l’infanzia, obbligati a lavorare fin da piccoli o arruolati come soldati da mercenari senza scrupoli».

Papa Francesco ha nel cuore gli occhi dei bambini profughi incontrati durante l’anno.
«Vediamo Gesù nei molti bambini costretti a lasciare i propri Paesi, a viaggiare da soli in condizioni disumane, facile preda dei trafficanti di esseri umani. Attraverso i loro occhi vediamo il dramma di tanti migranti forzati che mettono a rischio perfino la vita per affrontare viaggi estenuanti che talvolta finiscono in tragedia. Rivedo Gesù nei bambini che ho incontrato durante il mio ultimo viaggio in Myanmar e Bangladesh».
Lunedì 25 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 27-12-2017 12:43

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 51 commenti presenti
2017-12-26 20:00:15
Papa Bergoglio forse e` il piu` Irresponsabile Papa che la chiesa poteva istituire , Sta` letteralmente mettendo a soqquadro la pluralita` della diversita` Europea e di cio` che essa sia riuscita ad ottenere per l’uomo negli ultimi millenni . Un dono della Natura ricolmo di Responsabilita` ed Esperienze Storico-umanistiche a cui si sono contrapposte le IRRESPONSABILITA` pseudo politico-religiose di questo Papa che sta` manipolando il significato stesso della parola Responsabilita` …… Bergoglio continua a ribadire i concetti catto-comunisti per cui schierarsi con i Palestinesi fa parte di quella piattaforma di sinistra a cui e` cosi` ligio . Agisce secondo come la pensano i catto-comunisti e gli Africani e non secondo quello che la nostra Cultura , esperienze storiche e la NATURA ci hanno insegnato….??? Se ne frega della nostra pluralita` , questa nostra diversita` Europea , un Tesoro che dovrebbe essere messo in condizione di continuare a mettere a frutto le sue esperienze millenarie senza interruzioni o ambigue teorie di arricchimento . L’Europa e` stata costruita poco a poco con il contributo degli Ebrei , senza percorsi predeterminati , lo ha fatto scavalcando ostacoli , con una perseveranza nelle azioni e nella convinzione che fosse possibile andare avanti solo se si era tutti d’accordo sul passo sucessivo….a lui tutto questo non importa e , come i comunisti , lo vuole distruggere…..Israele e` una estensione dell’Europa e come tale dovrebbe essere trattata , invece viene considerata come un territorio ibrido alla merce` di leggi arcaiche e anacronistiche che nulla hanno contribuito alla emancipazione dell’uomo , ma a lui sta` bene cosi` e se da una parte l’obbiettivo della costruzione dell’Europa e` stato assicurare la pace , allora non resta che domandarci perche` il suo accanimento contro Israele che e` parte dell’Europa stessa……Questo Papa vuole sconvolgere gli equilibri delle azioni che ci hanno portato a questi livelli rispetto al resto del mondo ci vuole condurre alla rottura dell’incantesimo che tutto il mondo ci invidia , ma piu` ancora quello che rappresenta in termini di RESPONSABILITA` verso il resto dell’umanita` ed il suo destino….!!!
2017-12-26 15:06:04
premetto che sono ateo...e che guardo verso le religioni come filosofie di vita...pensate per aiutare l'uomo nel suo cammino verso la felicita'..evdentemente qualsiasi estremismo religioso comporta disastri enormi... Cotinuo aleggere critiche enirmi sui forum dei giornali..specialmente quelli di destra ..contro il Papa..reo di non assecondare la visione ultraliberista e chiusa alle istanze esterne..propria di Trum e dei trumpati italiani...aalcuni ivocano la separazione tra stato laico e chiesa..((paradossale che sianoproprio quelli ch voglionoil crocefisso dapperuto...lololol)..Questo Papa..piaccia o no..si rifa' alla evra dottrina orignale del cristianesimo...come tramandata dai primi dottori della Chiesa...e come sentiamo declamare ogni domeica in chiesa.senza neanche renderci conto del messaggio trasmesso...IO non riuscirei mai ad osservare i dettami della religione cristiana..ma non capisco chi..da dentro la religione cristiana ..si attacca ai prsepi ..ai crocefissi ..alle messe in latino..ma non accetta la vera sostanza del cristianesimo !!!! praticamente vuol trasgormare una religione di amore pace fratellanza diviisone dei beni...in una serie amorfa di pratiche rituali !!!!!santa ipocrisia......
2017-12-26 17:15:01
Sono stato fervente cristiano (e chierichetto da piccolo) e purtroppo anche per questo Papa non mi sento più tale. Preciso, comunque, che essere cristiano, vuol sì dar valore a presepi, crocefissi e messe, ma non farsi ipocritamente sottomettersi alle altrui volontà (si porge l'altra guancia, ma se ciò serve a trovare l'accordo). Amen. Grazie. Concludo: se il Papa avesse fatto proposte opposte es. dare i palestinesi agli stati arabi confinanti (che li hanno da sempre rifiutati usandoli come strumenti umani contro l'Occidente) la sinistra italiana avrebbe lodato tale intrusione papale in fatti di politica pura?. Rigrazie
2017-12-26 17:56:42
praticamente non ne hai azzeccata manco una-il papa, su ordine di soros ( noto filantropo biblico che a te piace di sicuro)applica quanto di più ultraliberista che c'è: la deportazione d interi popoli per abbassare il costo del lavoro.
2017-12-26 19:22:35
appendero' all'albero le tue critiche come medaglia al valore..lololol..PS Salutami soros..i gnomi di zurigo..le scie cosmiche e i massoni uniti
51
  • 119
QUICKMAP