Lo strappo di Alfano: «Levo alibi a chi insulta». Lorenzin in pole per la successione

Alfano
di Alberto Gentili
L'ultima telefonata, prima di chiudersi nel salotto di Porta a Porta e dare l'annuncio, Angelino Alfano l'ha fatta a Paolo Gentiloni: «Ho deciso di non ricandidarmi, lascio il Parlamento. Farò politica fuori dal palazzo». Il premier, agganciato il telefono, ha confidato ai suoi: «E' una decisione presa con il cuore. Angelino merita il massimo rispetto, continueremo a lavorare insieme fino al termine della legislatura». Il passo indietro del ministro degli Esteri e leader di Alternativa popolare...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 7 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 08:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-12-07 09:19:15
La politica falla nel palazzo di casa tua. Qualcuno lo avra' "indotto" a lasciare. Non ci credo proprio al passo indietro di questo individuo. Tutto inutile. Il pd andra' comunque a casa.
2017-12-07 10:57:59
uguale uguale a d'alema bersanni e company
2017-12-07 18:22:56
Probabilmente, la sua opera era esaurita. paolo diamante roma
2017-12-07 18:43:18
politica fuori del palazzo,,,,asili nido e materna,,giusto lĂ  non ti conoscono
4
  • 88
QUICKMAP