Parà morto in caserma, la commissione: «Non fu suicidio, fu aggredito prima di volare giù. Gravi atti di nonnismo»

La morte di un giovane parà in caserma, causata da un'aggressione avvenuta in un ambiente dominato dal nonnismo, è stata spacciata per suicidio e le vere responsabilità sono state coperte per anni dalla catena di comando della brigata Folgore. Questa la conclusione cui è giunta la Commissione parlamentare d'inchiesta su Emanuele Scieri, militare siracusano trovato cadavere il 17 agosto 1999, ai piedi di una scaletta della caserma Gamerra di Pisa, dove «avvenivano gravi atti di violenza, non riconducibili a semplice goliardia».

Scieri ha già 27 anni, una laurea e svolge pratica legale quando viene richiamato sotto le armi nel luglio del 1999. Finito il Car a Firenze, il giovane è trasferito su un pullman verso la Gamerra con altri commilitoni il 13 agosto. Emanuele sistema i bagagli in camerata e, insieme ad altri, esce per una passeggiata nel centro di Pisa. Rientra in caserma alle 22.15, ma al contrappello delle 23.45 non risponde. Nonostante diversi colleghi riferiscano che è tornato in caserma, Scieri viene dato per non rientrato. In realtà a quell'ora è già morto. Il cadavere resta tuttavia ai piedi della scala della torre di asciugatura dei paracadute - posto frequentato dagli 'anzianì della caserma - per tre giorni. Solo il 17 viene ritrovato.

«Gli elementi da noi riscontrati dopo aver acquisito quasi seimila pagine di documenti e svolto 45 audizioni - spiega la presidente della Commissione, Sofia Amoddio (Pd) - consentono di escludere categoricamente la tesi del suicidio o di una prova di forza alla quale si voleva sottoporre Emanuele scalando la torretta, tesi che nel '99 la catena di comando della Folgore suggerì alla magistratura. La consulenza cinematica di tecnici specializzati ha accertato che la presenza di una delle sue scarpe ritrovata troppo distante dal cadavere, la ferita sul dorso del piede sinistro e sul polpaccio sinistro sono del tutto incompatibili con una caduta dalla scala e mostrano chiaramente che Scieri é stato aggredito prima di salire sulla scaletta».

Non sono stati facili i lavori della Commissione che ha dovuto ingoiare tanti «non ricordo» e procedere in mezzo ad una persistente cappa di omertà da parte di molti dei protagonisti della vicenda, tra i quali colui che all'epoca era il comandate della Folgore, il generale Enrico Celentano, autore del famigerato "Zibaldone", una sorta di raccolta di vignette, motti di spirito e «regole» del nonnismo. Verso questa pratica, evidenzia Amoddio, in quel periodo alla Gamerra c'era «una altissima, sorprendente tolleranza». Vigeva una sorta di «disciplina parallela, legata non ai regolamenti formali ma ai concetti di consuetudine e tradizione».

La relazione rileva inoltre anomalie da parte dei carabinieri che svolsero i rilievi sul corpo. Il cadavere di Scieri «fu manipolato per estrarre dal marsupio il telefono cellulare del ragazzo e risalire al suo numero di telefono». La commissione ha fatto dunque emergere «le falle e le distorsioni di un sistema disciplinare fuori controllo ed ha rintracciato elementi di responsabilità» depositandoli presso la Procura della Repubblica di Pisa, che ha riaperto le indagini. Ora, conclude Amoddio, «speriamo che il nostro lavoro possa restituire verità e giustizia alla memoria di Emanuele, alla sua famiglia e alla democrazia del nostro Paese».
Mercoledì 6 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 07-12-2017 08:10

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-12-07 07:55:15
invece di darsi tanto da fare su questo caso, perchè non trovo tanta solerzia per il riconoscimento dei danni dell'uranio impoverito che ha fatto tante vittime e continua a farne, questo è vergognoso!!!
2017-12-07 06:25:22
Era ora che venisse rotto il muro omertoso costruito dal complice silenzio dei alti ufficiali di questa caserma. Ed è ora che venga fatta giustizia e che i suoi assassini e complici paghino per un atto di vile e totale violenza ridando giustizia e rispetto alla sua famiglia, che nonostante tutti i non so e i non ricordo, ha continuato a lottare.
2017-12-06 17:45:05
La giustizia deve andare fino in fondo! dico basta al nonnismo e o bullismo (sono 2 facce della stessa medaglia) troppi danni hanno arrecato alla ns società cosi come la malintesa tolleranza e buonismo
2017-12-06 16:58:25
Il Generale dovrebbe essere il primo a dover rispondere di questo crimine, che invece, restera' senza colpevoli..
2017-12-06 14:59:18
ma cosa dicono mai !!! gente cosi' brava..cosi' devota e cosi'...mansueta...
5
  • 394
QUICKMAP