Milano, vigilante del Mc Donald's allontana africani: accoltellato alla schiena

Ha invitato una decina di extracomunitari a uscire dal McDonald's perché, seduti al tavolo, stavano infastidendo gli altri clienti senza ordinare alcuna consumazione. Ma una volta fuori, il vigilante è stato pestato con calci e pugni, e infine è stato accoltellato alla schiena.

L'aggressione è avvenuta ieri sera, intorno alle 20.45, nel McDonald's della centralissima Galleria Ciro Fontana a Milano, a pochi passi dal Duomo. In un locale affollato come accade sempre il sabato sera. Il dipendente ferito, un 29enne di origini albanesi ma con cittadinanza italiana, è stato raggiunto dal fendente all'altezza della regione lombare. Il giovane è stato trasportato al Policlinico in codice giallo, ma poi le sue condizioni si sono aggravate, tanto che i medici hanno deciso di ricoverarlo in codice rosso.

Tuttavia il vigilante, che ha riportato anche la frattura dello zigomo e la lussazione della spalla, non sarebbe in pericolo di vita. Subito dopo il pestaggio, il gruppo si è rapidamente sciolto disperdendosi tra le vie del centro, di cui gli aggressori, secondo alcuni testimoni già ascoltati dalle forze dell'ordine, sarebbero abituali frequentatori.

Le indagini sull'accoltellamento sono affidate alla polizia di Stato che sta analizzando i filmati delle telecamere di zona e di quelle a circuito chiuso installate all'interno del locale. La quantità di obiettivi in quella parte della città lascia ben sperare gli investigatori, che puntano a ottenere immagini utili all'individuazione del gruppo.

«Ormai furti, rapine e aggressioni sono arrivati sotto le finestre dell'ufficio del sindaco Sala, praticamente a palazzo Marino», ha commentato Riccardo De Corato, ex vicesindaco di Milano e capogruppo di Fratelli d'Italia in Regione Lombardia. «Il sindaco, anziché impegnarsi contro il crimine - ha aggiunto De Corato -, ha favorito negli anni la migrazione senza freni e adesso pensa solo a norme e leggi bavaglio e liberticide». Il McDonald's di Galleria Ciro Fontana è stato inaugurato nel novembre del 2013. La struttura che offre fast food in pieno centro dispone di una superficie di oltre 1.100 metri quadri con 215 posti a sedere interni e una terrazza di 42 metri quadri con 20 posti a sedere.
Domenica 3 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 04-12-2017 16:38

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 83 commenti presenti
2017-12-04 17:07:18
Ha ragione. Basta vedere come i soliti quotidiani rossi affrontano la notizia: ignorandola o rifilandola in terza pagina, ultima colonna e in caratteri minuscoli. Omettendo rigorosamente nel titolo e nel testo che gli autori sono AFRICANI. Ma questa menzogna non può durare all'infinito. Le bugie, dicevano un tempo, hanno le gambe corte e quando l'ira del popolo esploderà chi si è preso gioco della gente ne pagherà le conseguenze. Che saranno pesantissime.
2017-12-04 13:27:47
sono ovunque, sempre piu'numerosi ed arroganti. Se l'invasione continuerĂ  sarĂ  rovina. Tutto sta a noi, a saper votare. Bisogna asfaltare con la massima prioritĂ  tutte le forze pro immigrazione
2017-12-04 11:55:28
Ancora non basta? Ancora non ne abbiamo abbastanza? Ancora non ci rendiamo conto del futuro che ci aspetta? Blocchiamo l'invasione e respingiamo al mittente TUTTI, MA PROPRIO TUTTI questi malnati che non meritano né la nostra comprensione, né la nostra misericordia, né certo insulso, inutile. dannoso, masochista, deleterio, malevolo, inappropriato buonismo.
2017-12-04 11:43:55
....ma sono quelli venuti per pagarci le future pensioni?
2017-12-04 11:16:51
Inutile lamentarci. La colpa è nostra di quello che sta succedendo al (una volta) nostro Paese. In altri tempi chi avesse favorito l'invasione dello straniero sarebbe stato appeso ad una forca. Non sarebbe stato necessario che lo facesse il popolo. Ci avrebbe pensato una magistratura attenta e responsabile. Spero ancora in un estremo, seppur tardivo, spunto di orgoglio da parte delle forze armate.
83
  • 5,2 mila
QUICKMAP