Gloria Satta
BLOG SUPERSTAR di Gloria Satta

Damiano, il Mick Jagger di Monteverde
dà la scossa alla musica italiana

Si Chiama Damiano, ha 18 anni, gli occhi bistrati, una voce potente che spazia dal soul al reggae, buona per l'hard rock come per le ballad, e un carisma che buca lo schermo. Il frontman dei Maneskin, la band che sta spopolando a “X Factor”, il talent di Sky, porta un soffio di novità e trasgressione nella musica italiana. I 4 ragazzi dei Maneskin (Victoria, Ethan, Thomas oltre a Damiano) sono romani di Monteverde, maneggiano chitarre e batteria con la sicurezza dei rockettari consumati e, ad accezione del cantante, non sono ancora maggiorenni.
Sorprendono per la loro freschezza, per la capacità di osare, per la sincerità felicemente oltraggiosa della loro musica.
Damiano, sguardo torvo, corpo magrissimo ed elastico, è un piccolo Mick Jagger. Bello e dannato. Un autentico animale da palcoscenico, già diventato una stella dei social, un sex symbol, un’icona di stile per le sue tenute stravaganti (redingote rossa fino ai piedi, fouseaux d’argento, camicie da flamenco) comprate ai mercatini dell’usato.
Fa tendenza per l’abbigliamento da nuovo dandy, per il trucco esagerato, per le sue esibizioni "scandalose": nell’ultima trasmissione si è esibito in una pole dance sfrenata in tacchi a spillo scatenando il delirio della platea.
Insomma, ha “spaccato”.
Comunque vada, anche se i Maneskin non arriveranno a vincere questa edizione di “X Factor” (ma lo meriterebbero ampiamente), Damiano e i suoi rappresentano la vera novità nella musica italiana.
E ci costringono a domandarci: possibile che ancora esista una gara vecchia, prevedibile, sonnolenta come Sanremo?
La musica italiana ha bisogno di una scossa e ce lo ricorda il Mick Jagger di Monteverde mentre la Riviera si prepara a ospitare la solita sfilata di vecchie glorie e nuovi talenti che, ostaggio del conformismo discografico, spesso di nuovo hanno molto poco. Che tristezza. Che delusione. Che noia. Venerdì 1 Dicembre 2017, 10:10
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2017-12-14 21:16:51
il Mick Jagger di Monteverde...........ahahahahaha, fra un anno saranno spariti. Amen
2017-12-13 07:20:43
fateci caso.ma la ridicola postura ed il gesto dell'arbitro che indica risoluzioni var.....ie, significa solo una cosa: "adesso vi faccio un mazzo tanto"......e l'omo campa benissimo.
2017-12-12 18:49:31
avevo gi√† sdirazzato dal tema proposto in precedenza, condannando il var ai danni della lazio in lazio/fiorentina, ma la cosa si ripete col torino. in coscienza la lazio vista sia con la fiore che col torino √® lontana parente di quella squadra al top x gioco,almeno fino alla partita con la roma. anche ieri sera il torino del primo tempo aveva giocato assai meglio, meritando l'intera posta al termine della gara. detto ci√≤, la var nn ha colpe,se nn quelle di telecamere forse carenti x numero nel riprendere il gioco. il problema semmai riguarda chi la interpreta, spesso fuorviando l'arbitro in errore comunque, nn avendo visto i falli di gioco. la lazio quindi illustra suo malgrado l'idiozia della tecno applicata al calcio. il calcio √® gioco spesso aleatorio se nn casuale, ma il var criminalizza spesso le squadre pi√Ļ deboli, dato che il numero delle azioni (o della difesa alla disperata) √® inferiore a quello delle pi√Ļ forti, con la conseguenza della sperequazione sanzionata tra valori in campo. strano il fatto che prima del var, gli arbitri sbagliavano comunque, ma c'era l'alibi che potevano nn vedere. oggi sbagliano due volte, cio√© gli addetti alla visione e il direttore di gara. l'unica applicazione tecnica valida √® solo il gol nn gol visto dalla telecamera installata sulla porta. nn dimentichiamo che la moviola in campo √® stata voluta fortemente da due che hanno avuto poco a che fare col calcio nn capendone l'essenza,ovvero biscardi e tavecchio.questo ora coinvolge illustri opinionisti e commentatori sempre a favore. e qui la cosa si fa....drammatica. √® toccata alla lazio,ma poi vedremo quando il bubbone scoppier√† coinvolgendo squadre che lottano x obiettivi importanti. o saranno favoriti i soliti noti? morale? nn √® cambiato niente, var o nn var.
2017-12-13 09:07:20
Hai illustrato perfettamente e molto chiaramente la situazione! Sul fatto che non sia cambiato niente non sono d'accordo. Mi sembra che il tutto sia peggiorato notevolmente perché credo che a volte la malafede sia troppo evidente; o forse diciamo meglio, il tutto è venuto semplicemente a galla mostrandosi in pieno. Ciao!
2017-12-14 10:08:36
quello che √® grave, e qui la crisi attuale della stampa italiana si fa drammatica, √® che la tecnologia applicata al calcio √® stata tollerata come problema minore e nn esiziale. questa applicazione astrusa andava sviscerata in senso critico a 360 gradi. mi fa specie che opinionisti e scrittori di cose calcistiche abbiano TRADITO l'essenza SPORTIVA DEL CALCIO. ed √® pure assai strano che l'italia faccia da pesce pilota sperimentale alle altre federazioni internazionali. potevano invece cambiare l'assurda regola del fuorigioco della gamba o la scarpa in esposizione fallosa,quando sarebbe stato pi√Ļ chiaro che ci fosse l'intera luce tra i due contendenti. giusta solo la telecamera installata sulla porta circa il gol.
QUICKMAP