Gloria Satta
BLOG SUPERSTAR di Gloria Satta

L'Italia all'Oscar con i rom
nuova sfida di un cinema vitale

La designazione come candidato italiano all’Oscar del film “A Ciambra”, diretto dal giovane e per ora sconosciuto regista Jonas Carpignano, ha scatenato la discussione, anche a livello politico: il film, girato con la tecnica documentaristica del cinema-verità, è ambientato in Calabria all’interno di una comunità di rom che rubano per vivere, e ci si è chiesti se è giusto che l’Italia venga rappresentata all’Oscar da una storia di questo genere.
Iopenso vi dico che la designazione di “A Ciambra”, in assenza di film tanto forti da sfidare il miglior cinema del mondo intero, è stata una scelta spiazzante ma strategica e ha buone probabilità di rivelarsi vincente. Gli americani, in particolare la giuria dell’Oscar, amano i film dotati di una forte identità e non quelli che tentano, il più delle volte vanamente, si rifarsi ai modelli hollywoodiani.
Amano vedere (e premiare) quelle storie che raccontano realtà diverse, che ti portano in un mondo inaspettato e sono capaci di coinvolgere, emozionare, stupire. Il film di Carpignano possiede tutti questi requisiti e può dunque aspirare ad arrivare in finale.
“A Ciambra” testimonia inoltre l’attuale varietà del cinema italiano, emersa all’ultima Mostra di Venezia: oggi i nostri registi sono capaci di spaziare dalla commedia al noir, dal dramma al musical, al thriller, al cartoon d’autore. In attesa delle nomination, non ci resta che fare il tifo per i rom di Carpignano. Sabato 30 Settembre 2017, 10:27
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 67 commenti presenti
2017-11-01 10:54:09
lo so che su pandora le notizie arrivano....edulcorate e spesso nn intese, ma le armi di distrazione di massa del potere sono da sempre variegate. in italia le prime notizie sono x lo più....esotiche. se queste latitano.se ne creano altre a pretesto, tipo un delitto passionale nostrano e nn. tutto serve alla logica del potere e se uno nn vede il gomblotto allora sta su un altro pianeta. la storia della sceneggiata di cui si sa, appare tale in ottica onnicomprensiva del fenomeno celtico-nazifascista,razzista comune a quasi tutte le tifoserie nazionali e internazionali, nn escluse quella giallorossa o biancazzurra. la lazio calcio paga colpe nn sue,nell'ottica delle responsabilità politiche altrui,ma viene applicata la maxi balla della responsabilità oggettiva, le scuse vengono rigettate, i fiori viaggiano sulle acque tiberine e voilà, il danno nazionale e internazionale d'immagine viene fatto. l'arte della mistificazione,ragazzo mio, avviene da sempre in tutte le epoche e solo un pandoriano nn lo capisce. i verginelli un giorno cresceranno. se poi accenni al m5s, gli esempi di mistificazione e disinformazione pro domo sua sono solari. un esempio x tutti: si crea un caso di malgoverno in tema edilizio a bagheria incolpando il sindaco pentastellato di nn abbattere l'abusiva casa paterna da anni edificata. ebbene l'intera bagheria è un abuso edilizio permanente dovuto alle vecchie amministrazioni di colore diverso. ma di ciò viene incolpato l'ingrillettato. stessa medesima cosa x roma, anche su altre negatività ancestrali. una considerazione a margine: un vaffa telepatico nn ha la stessa valenza di quello emesso anche gutturalmente in open air.
2017-10-31 16:02:06
Non so se il mio post di qualche giorno fa sta ancora sotto naftalina in attesa di essere pubblicato; comunque riscrivo: D' accordissimo con te!
2017-10-24 09:45:27
ricordate il film ultras? era uno spaccato dell'idiozia tifoidea. oggi i media danno troppo risalto a gruppuscoli razzisti con croci celtiche e simboli nazifascisti. quelli ,citati, se ne fanno un vanto e tra l'altro sono INEDUCABILI. gruppi,detti, xché da individui nn si azzarderebbero mai di fare quello che fanno. circa i buu, nn si trova strano che la lazio con 4 colored nn venga contestata da quei cosiddetti tifosi capitolini? daspo e quant'altro sono balle inutili. le società di riferimento sono solo vittime di quei "bravi" ragazzi. insomma quelli fanno notizia e ne sono fieri grazie ai media,appuntandosi al petto la medaglia del (dis)onore.
2017-10-20 09:59:01
caro Prof di blu dipinto nel blu cosmico, cosa vuoi aspettarti da centrosinistrati acchiattatutto al punto che poi son costretti a contraddirsi per non essere autotravolti? presto ci diranno che i loro beniamini sono stati scelti su proposta di Ilvio che ti ricordo è sempre il parruccone fatto rifatto e strafatto da arcore e dintorni, magari troveranno qualche stratagemma alla visco che poverino poco ha fatto per etruria ( chiamalo poco!?). a questi di noialtri ne frega quanto mezzo fico secco dopo che se son magnanti la mandorlina. Per una volta senti a me, tuo fedele lettore, resta li, meglio affrontare dieci Ikran che reggere questa massa di magnaccioni incompetenti e perennemente affamati.
2017-10-20 18:56:43
Terrestre Controcorrente, non chiamarmi prof, se puoi, ma Maestro (Libero Trasvolatore). Per il resto che dire? 10, 100, 1000 Ikran inca**osi! Appandorati abbracci! *** (; - BdV/Anchise MLT
QUICKMAP