Vaticano: ripubblicheremo gli atti
del processo a Galileo

Un ritratto di Galileo Galilei
CITTÀ DEL VATICANO (25 novembre) – Il Vaticano vuole far ripubblicare gli atti del processo a Galileo Galilei con la sentenza di condanna mai firmata dal Papa per «rinfrescare la memoria» di quanti attendono ancora «pentimenti» che non avrebbero ragion d'essere: lo ha annunciato il presidente del Pontificio consiglio per la cultura, monsignor Gianfranco Ravasi, a margine di un incontro tra le pontificie accademie.

Sugli atti del processo della Santa Inquisizione, con la condanna mai firmata, vi fu un grave disaccordo tra i cardinali: una parte dei quali erano già stati pubblicati alcuni decenni orsono - ha ricordato Ravasi - «ma sarebbe opportuno riproporli nella loro totalità, con l'aggiunta di una accurata analisi contestuale».

Domani la figura di Galileo sarà al centro di un convegno promosso dal “ministero” vaticano della cultura e dalla Finmeccanica, dove è atteso il segretario di Stato della Santa Sede, card. Tarcisio Bertone, accanto a eminenti scienziati, e una serie di eventi vedranno nei prossimi mesi la partecipazione di uomini di fede, filosofi e scienziati ad una approfondita riflessione su fede e scienza.
Martedì 25 Novembre 2008, 14:34 - Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 00:00
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
0
QUICKMAP