Studenti fuorisede e tessera metrebus

Salve sono una normale studentessa fuori sede, frequentatrice abituale di autobus, tram e metro. Studio presso l università di torvergata ma abito sulla Prenestina. Quindi i mezzi per arrivare in università, per me quasi vitali.
Il problema Ť che a noi fuori sede non Ť concessa alcuna agevolazione sull abbonamento atac, a meno che non si risulti vincitore della borsa di studio Lazioadisu

Io vorrei capire quale strano meccanismo, che ad esempio non si riscontra a milano, sia alla base di questa disposizione : 18 euro per i residenti, 30 euro per i fuorisede.

Lo studente residente non ha affitto da pagare, ha mamma che fa la spesa ecc. Noi un affitto non da sottovalutare, tasse e libri universitari, vitto (per la sopravvivenza). Ieri personalmente sono stata multata per essere stata trovata in possesso dell abbonamento da 18 euro. Consapevole di essere nel torto ho pagato la mia multa senza problemi.
Ma il problema Ť un altro : ho sempre fatto l abbonamento da 30 euro, poi mi sono resa conto che quei 12 euro risparmiati potevano essere quasi vitali. E sono passata ad altro.

Perchť non dare una mano a noi? perche non rendere il costo dell'abbondamento uguale per tutti?
E poi sui tram qui della prenestina e non solo, si vede gente costantemente senza biglietti che non viene mai punita. E io (per cercare di risparmiare) o la vecchietta che va a fare la spesa (e nn ha il biglietto per una volta) invece sž, senza clemenza nŤ comprensione nŤ giustificazioni. Ok, la legge va rispettata.. ma che sia uguale per tutti.

Lettera firmata


(14 aprile 2010)
Giovedž 15 Aprile 2010, 00:02 - Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 00:00
QUICKMAP