Raccolta differenziata nel X Municipio

Spettabile redazione, scrivo per segnalare che In questi giorni l'Ama si sta attivando con grande solerzia per inviare nel Decimo Municipio (via Tuscolana) appositi incaricati che consegneranno ad ogni cittadino un kit per la raccolta differenziata e per il compostaggio degli scarti organici e alimentari in particolare. Nel mio condominio di via Licinio Murena la consegna avverra' il 30 giugno.

Indipendententemente dal pochissimo tempo per organizzarsi in questo senso, vorrei fare alcune domande ai tre firmatari della lettera (Marco Daniele Clarke, presidente AMA; Sandro Medici, Presidente X Municipio; Fabio De Lillo, Assessore all'Ambiente), sperando che la loro risposta non sia dello stesso tenore di quelle che si sentono spesso nell'area tra Afragola e Pompei "Chi ha dato ha dato, chi ha avuto ha avuto, scurdammoce o passato".

Sapevate che la regola del compostaggio esisteva gia' dal 2003 sotto la Presidenza Ama di Massimo Tabacchiera, e dava diritto al 30% di sconto sulla parte variabile della tariffa della TARI , quindi sulla bolletta? Sapevate che il compost era stato distribuito, perlomeno a Roma, solo ai proprietari di ville con giardino di almeno 25 mq ad abitante, rendendo vana ogni possibilita' di compostaggio, e quindi di sconto, per quell'irrisoria percentuale di romani - piu' o meno il 98 % - che invece della villa con giardino hanno un appartamento con o senza balcone (ennesima disparita' tra poveri e ricchi)?

Sapevate che nel 2007 sono state scelte a Roma dall'allora Assessore Causi circa 25.000 famiglie-campione che hanno avuto la possibilita' di uno sconto di circa 50 euro sulla TARI del 2008 per non meglio precisati "meriti" sulla raccolta differenziata (sembra che i criteri fossero il peso dei cassonetti bianchi e blu e un sistema statistico che collegava i cassonetti stessi alle famiglie-campione, figurarsi!) che intanto facevamo piu' o meno tutti per coscienza ecologica e non certo per ottenere sconti-elemosine?

Come mai tutto questo nobile e solerte interesse, oggi, per le zone (e i relativi cittadini) di Roma fino a ieri trascurate da tutto questo? Forse perche' non ci sono piu' nemmeno l'ombra di questi premi e incentivi e, anzi, diventiamo un possibile immediato rimpinguo per le casse sempre anemiche del Comune di Roma, visto che chi non si atterra' scrupolosamente alle disposizioni del compostaggio sara' passibile di multa fino a ben 619 euro?

No, grazie, egregi signori, decidero' autonomamente io come e quando trasformare i rifiuti in compost, perche' una presa per i fondelli che va avanti da sette anni - dal 2003, appunto - e' abbastanza matura
da dover finire una volta per tutte. A proposito, Presidente Medici: con la stessa solerzia con cui ci obbliga, insieme agli altri due firmatari, a cambiare le nostre abitudini nel giro di pochi giorni, dia anche lei una risposta a diversi pensionati ai quali alla fine di luglio 2007 ha piu' o meno cambiato la vita con la distruzione dei loro orti dentro San Policarpo mediante le ruspe. Loro si', amavano tanto la natura e l'ecologia, non facevano del male a nessuno e non inquinavano, ma la legge, si sa, non e' stata mai uguale per tutti!

Francesco Zacco

(27 giugno 2010)
Domenica 27 Giugno 2010, 22:57 - Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 00:00
QUICKMAP