L'Umbria che non ti aspetti: fanghi, benessere e acque termali

di Anna Franco
L’Umbria Ť spesso vista come il polmone verde del nostro Paese. L’osservazione Ť senz’altro esatta, ma nel sottosuolo questa regione nasconde tesori che possono aumentare il piacere del soggiorno.
Sgorgano, infatti, qui acque termali e, non a caso, qui sono imbottigliate ben sedici marche di acque minerali.



Ecco, allora, una mappa su dove la salute psico-fisica trova la sua zona d’elezione e dove gi√† gli antichi romani (che la sapevano lunga) amavano rilassarsi.



Nei pressi di Citt√† di Castello, ci sono le terme di Fontecchio, aperte da marzo a dicembre. Le sorgenti sono caratterizzate da acque carbonato-calcio-magnesiache e bicarbonato-alcalino-solfuree, che hanno propriet√† antinfiammatorie, depurative, digestive e di levigazione del derma, utili in campo osteo-articolare, riabilitativo, vascolare, otorino e dermatologico, oltre che per la cura idropinica. √ą possibile provare il percorso termale Salus per Aquam, che comprende piscina termale calda, idromassaggio, percorsi vascolari e bagno di kneipp, sauna, bagno turco, docce emozionali, area relax con cromoterapia e aromaterapia. Inoltre, √® possibile scegliere tra vari tipi di massaggi: ayurvedici, shirodhara, a quattro mani, hot stone, shiatsu, thai, watsu e riflessoterapia al piede, ma anche massaggi linfodrenanti e rilassanti. I prezzi per una remise en forme totale vanno dai 60/70 euro per i massaggi ai 6 euro per nebulizzazione e aerosol. Il percorso Salus per Aquam costa, invece, dai 14 ai 20 euro ed √® indicato anche per i bambini al di sotto dei dieci anni (che hanno diritto a uno sconto). Per i romanticoni, poi, c’√® anche il Relax in coppia (130 euro), che comprende massaggio e fanghi termali per due. Le terme sono convenzionate con alcune strutture alberghiere. A 3 km dal centro termale sorge Citt√† di Castello. Da visitare, senz’altro il Duomo, ma anche la fondazione Palazzo Albizzini con i suoi due musei dove √® raccolta gran parte della collezione di Alberto Burri, che √® nato e in parte vissuto qui.



Presso il parco di San Gemini, dove l’acqua sgorga da due fonti, la San Gemini e la Fabia, la specialit√† sono le cure idroponiche. Le indicazioni terapeutiche riguardano malattie dell’apparato urinario, del ricambio, epatobiliari e gastroenteriche. √ą accertata una particolare efficacia dell’acqua anche nella cura dell’osteoporosi e nell’alimentazione dei pi√Ļ piccoli. Un ottimo luogo dove soggiornare √® il bed and breakfast la Locanda di Carsulae (tel 0744.630163), che dispone di nove camere, √® vicino alle fonti e a poca distanza dal centro storico, √® caratterizzato da un ambiente rustico e offre piatti tipici.



Le terme di Amerino si trovano a nord dell'abitato di Acquasparta e sarebbero state benedette da San Francesco durante una delle sue visite. Le acque che sgorgano qui sono bicarbonato-alcalino-terrose, a media o bassa mineralizzazione, particolarmente indicate per migliorare la diuresi e curare le malattie gastroenteriche, urinarie, epatiche e biliari.



Nei dintorni molti gli insediamenti di carattere medievale, che portano le tracce delle lotte tra papato e impero, da visitare. Il monte Croce di Serra, a 1000 m di altitudine, regala un panorama mozzafiato che abbraccia i Sibillini ad est ed i Cimini a sud ovest, che si gode anche dai monti Amerini, dai quali, nelle giornate particolarmente limpide, è possibile addirittura notare un lembo di Tirreno. Da vedere anche il castello di Attigliano, Montecastrilli, di impronta romanica, e Alviano con la sua oasi naturalistica.



Le terme di San Faustino, che si trovano a Massa Martana, favoriscono digestione e diuresi. Il centro storico della cittadina √® circondato da mura realizzate tra il XVI e XVIII secolo, che hanno una porta centrale caratterizzata da pietre lavorate. Presso il centro termale denominato Collina del benessere √® possibile farsi coccolare da fanghi, bagni turchi, peeling, massaggi e idromassaggi. Consigliato il soggiorno presso l’Hotel delle terme di San Faustino, dotato anche di una piscina esterna nel parco che circonda la struttura. Da assaggiare i tartufi, i prosciutti e la porchetta locale, come anche l’olio della zona.



Le terme Francescane, a Spello, sono indicate per combattere malattie otorinolaringoiatriche e delle vie respiratorie, cardiovascolari, reumatiche e dermatologiche. Il Terme Francescane Village è circondato da un grande parco e permette di praticare palestra, jogging, tennis e nuoto nelle piscine interne ed esterne, mentre dalle sorgenti sgorga acqua solforosa.



Le Terme di Santo Raggio erano chiamate Santureggio, dal latino sanctus et regius fons e si trovano a poche centinaia di metri dal centro di Assisi, a via P.A. Giorgi. Ad Assisi consigliata una sosta gastronomica alla Locanda del Podest√†, non lontana dalla basilica del santo. Il luogo √® piccolo e dall’aspetto semplice, ma curato. Da assaggiarle specialit√† al tartufo, come gli stringozzi o gli gnocchi della Locanda, come pure le salsicce umbre. Buoni vini al bicchiere e prezzi onesti.



Sempre in Umbria, precisamente a Torre di Montefalco, nei pressi di Foligno, c’√® la cantina Caprai, dove √® prodotto il famoso Sagrantino di Montefalco (e non solo). √ą possibile prenotare visite guidate (max 15 persone) per scoprire come √® coltivato e come nasce il nettare degli dei. Il tour prevede anche una degustazione di diverse tipologie di vini abbinati a formaggi e salumi umbri ed √® possibile anche fare acquisti enogastronomici di qualit√†. Il luogo √® un po’ fuori dai circuiti termali, ma ne vale davvero la pena e le papille gustative ringrazieranno.


Giovedì 16 Maggio 2013 - Ultimo aggiornamento: 23-05-2013 12:07

© RIPRODUZIONE RISERVATA
QUICKMAP