seguici su Google+ RSS
Sabato 30 Maggio - agg.12:08
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero CASA

Acconto Irpef in scadenza,  guida agli adempimenti

di Oliviero Franceschi

Il versamento in banca, alla posta oppure via Internet

Mentre il dibattito politico procede serrato sui temi più svariati, i cittadini devono vedersela con le cose concrete come il secondo acconto dell’Unico 2012, che in tempi di crisi di liquidità viene percepito da alcuni come una seria minaccia alle proprie finanze. Ma non tutti dovranno pagare…
Baciati dalla fortuna
Il pagamento dell’acconto Irpef riguarda in generale chi ha presentato Unico 2012. Ma c’è qualcuno che non deve pagare nulla: ecco di chi si tratta. 1) Chi ha indicato nella denuncia dei redditi (riga RN33) un’imposta inferiore a 51,65 euro e chi prevede un'Irpef 2012 inferiore a 51,65 euro. 2) Chi ha avviato una nuova attività nel 2012 e non aveva redditi nel 2011. In pratica, chi non doveva presentare la dichiarazione nel 2012, anche a novembre non dovrà fare nulla: pagherà tutte le imposte a saldo sui redditi del 2012 a giugno 2013. Stesso discorso per dipendenti e pensionati che nel 2011 avevano solo redditi di lavoro dipendente o assimilati e che nel 2012 hanno avuto ulteriori redditi aggiuntivi (ad esempio, acquisto di un immobile, dividendi, collaborazioni, ecc.). 3) Chi a giugno, luglio o agosto, per errore o libera scelta, ha versato tutto l’acconto del 96%, anziché la sola prima rata; chi, invece, per errore ha pagato più del dovuto a titolo di prima rata, ora può scalare dall’importo della seconda rata le maggiori somme versate. 4) Gli eredi di persone decedute nel 2012 non devono versare nulla per conto del defunto. 5) Chi ha presentato il modello 730. Calcoli e pagamenti, infatti, vengono fatti direttamente dal sostituto d’imposta: la seconda rata sarà trattenuta direttamente dallo stipendio o dalla pensione. Fa eccezione chi nel 2012 ha cessato il rapporto di lavoro, oppure è stato messo in aspettativa senza retribuzione. In questi casi, infatti, il versamento dell'acconto dovrà essere fatto autonomamente dal lavoratore.  Nessun problema, invece, se i redditi del 2012 sono aumentati rispetto a quelli 2011. In questo caso, infatti, basta versare complessivamente il 96% dell'Irpef relativa al 2011: il conguaglio, infatti, si farà con la prossima dichiarazione dei redditi, pagando la differenza.
Come si paga
L'acconto Irpef per il 2012 si paga in banca, alla posta o presso il concessionario della riscossione entro il 30 novembre 2012, utilizzando il modello F24 ed il codice tributo 4034: Irpef acconto - seconda rata o acconto in unica soluzione; l'anno di riferimento è il 2012. Diversamente dagli importi a saldo risultanti dalla dichiarazione, gli importi vanno arrotondati al centesimo di euro: per difetto se la terza cifra decimale è minore di 5; per eccesso, se invece, è uguale o maggiore di 5. L'acconto di novembre non può essere rateizzato. Tutti i titolari di partita Iva, invece, devono pagare l’acconto esclusivamente on line. In questo caso il versamento può essere fatto direttamente, collegandosi al sito dell’Agenzia delle entrate e utilizzando fisco on line: è necessario però munirsi con anticipo del codice di accesso (Pin) all'area riservata del sito. In alternativa si può sempre versare con i servizi di home banking forniti dalla propria banca o di remote banking (CBI). Infine si può sempre ricorrere ad un intermediario abilitato che, a pagamento, effettuerà il versamento sul vostro conto corrente.
Nuovo ravvedimento sprint
Per chi vorrà ricalcolare l’acconto e sbagliasse i conti oppure per chi dovesse versare l’importo esatto ma in ritardo, ci sono ovviamente delle sanzioni. Ma con il ravvedimento operoso queste multe possono essere notevolmente ridotte. A tale proposito dall’anno scorso c’è addirittura una possibilità in più, grazie al cd. “ravvedimento sprint”. Infatti se si paga entro il 14° giorno dalla scadenza e cioè entro il 14 dicembre basta versare la minisanzione dello 0,2% per ogni giorno di ritardo più gli interessi legali (2,5%) maturati dal 1° dicembre al giorno del pagamento. Se invece si paga entro il 31 dicembre 2012 (il 30 dicembre cade di domenica) è dovuta la classica sanzione del 3% più gli interessi legali (2,5% annuo) sempre maturati dal 1° dicembre fino al giorno in cui viene eseguito il versamento. Infine, oltre questo termine, e fino alla data di presentazione della prossima dichiarazione dei redditi la sanzione è del 3,75%, sempre più gli interessi del 2,5% con maturazione giorno per giorno. Gli interessi non si versano insieme al tributo principale, ma a parte con il codice tributo “1989”, interessi sul ravvedimento Irpef. Anche la sanzione deve essere indicata a parte con il relativo codice (ad esempio, 8901 per l'Irpef, 8918 per l'Ires, ecc.).
Per chi paga l’Irap
Molti titolari di partita Iva (tra cui anche amministratori di condominio) devono versare (se dovuto) anche l’acconto Irap. Attenzione però agli errori: la misura dell’acconto non è diminuita al 96% come per l’acconto Irpef, ma è rimasta alla classica percentuale del 99%; basta, quindi, calcolare il 99% dell’imposta indicata nella riga IR22 del modello Irap 2012 e sottrarre quanto è stato eventualmente pagato come prima rata: si ottiene così l’importo da versare entro il 30 novembre. Il codice tributo da indicare nella sezione Regioni della delega F24 è il 3813. Occorre, inoltre, indicare il codice regionale (per il Lazio, ad esempio, è 08).  Anche per l’Irap è possibile calcolare l’acconto non sullo storico ma sul reddito che si prevede di conseguire nel 2012, con l’avvertenza che gli errori andranno sanati col ravvedimento operoso oppure saranno contestati dal fisco. Infine, per le Regioni in deficit sanitario per le quali è stata introdotta un’aliquota più alta rispetto a quella riportata nella tabella in appendice alle istruzioni ministeriali, bisognerà ricalcolare l’imposta 2012 con la maggiore aliquota e poi calcolare l’acconto o analogamente, se si sceglie il metodo previsionale, fare i calcoli previsionali con l’aliquota maggiorata.

2) continua

Hanno collaborato Daniele Cuppone e Alberto Martinelli

Domenica 11 Novembre 2012 - 15:57
Ultimo aggiornamento: Lunedì 12 Novembre - 09:00
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO

CONDIVIDI L’ARTICOLO

OGGI IN PRIMO PIANO

Incidente Roma, la rom arrestata: «Eravamo 4». Guerra tra clan per proteggere i latitanti

Potrebbero essere tre e non più solo due i rom in fuga. I boss di via...

De Luca nella lista impresentabili, guerra nel Pd

Un'ombrina al forno rimasta nel piatto è stata la prima...

Latina, ucciso a Formia l'avvocato- blogger Mario Piccolino: gli hanno sparato

LATINA - E' stato ucciso pochi minuti fa a Formia Mario...

Russia, giornalista oppositore Vladimir Kara-Murza ricoverato per avvelenamento

È giallo a Mosca sulla misteriosa malattia del giornalista Vladimir...

Migranti, recuperati 17 cadaveri su un gommone al largo della Libia

Diciassette cadaveri sono stati recuperati su un gommone carico di...

EDIZIONI LOCALI
Ariccia, madre e figlio si lanciano dal ponte
Si sono buttati giù dal ponte dei suicidi, un volo di quasi sessanta...
GUARDA TUTTE LE NEWS DI ROMA
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

India, decapita bimbo per placare gli dei: guru linciato dalla folla

Una folla inferocita ha linciato nello Stato indiano di Assam un guru tantrico che, per «calmare gli...

Ariccia, madre e figlio si lanciano dal ponte

Si sono buttati giù dal ponte dei suicidi, un volo di quasi sessanta metri. Un uomo e una donna, madre...

Aveva sempre mal di testa e il naso chiuso: dopo 44 anni fa una scoperta incredibile

Per circa 44 anni ha accusato problemi respiratori e forti mal di testa, ma i medici erano concordi nel...

Incidente Roma, il padre dei rom: guidavo io, ero ubriaco

Nessuno sa dove sono, nessuno riesce a contattarli. I due ricercati che mercoledì sera erano a bordo...

Latina, ucciso a Formia l'avvocato- blogger Mario Piccolino: gli hanno sparato

LATINA - E' stato ucciso pochi minuti fa a Formia Mario Piccolino, l'avvocato blogger famoso per le...

CASA
Risparmio energetico, occhio alla scadenza
La maxi detrazione del 65% potrebbe andare definitivamente in soffitta
Risparmio energetico, maxisconto fino a dicembre
Dal 2016 la detrazione potrebbe scendere dal 65 al 36%
Modello 730, arriva la Circolare esplicativa
L'Agenzia delle Entrate risponde ai dubbi dei Caf e dei professionisti
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO
PIEMME
MUTUI ACQUISTO PRIMA CASA ON LINE
www.settorefinanza.com
Mutui acquisto prima casa, mutui consolidamento debiti e liquidità. Richiedi il mutuo più economico
 
   
I film, le trame e i cinema di tutta Italia: comincia lo spettacolo I migliori locali dove gustare le ricette per gli amanti della buona cucina Scegli che strada prendere: il traffico di Roma in tempo reale Resta aggiornato con tutti dati i delle Borse in tempo reale Pioggia, vento o sole? Scopri come sarà tempo nella tua città Branko legge e racconta le parole delle stelle, segno per segno
 
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2015 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009