Anna Guaita
BLOG QUEST'AMERICA di Anna Guaita

Halloween: la "zucca celeste" protegge i bambini con allergie


NEW YORK – Arriva Halloween, e girando nei sobborghi si vedono già le grosse zucche gialle sui gradini davanti alle case a dare il benvenuto all’autunno. Ma fra tanto giallo, ora spicca un nuovo colore: il celeste. Grandi allegre zucche dipinte di “teal”, un colore a metà fra il blu e il verde, stanno dilagando. E’ uno dei trend degli ultimi anni, e per una volta è un trend che tutti dovrebbero abbracciare.

Le zucche celesti sono un segnale per i bambini sofferenti di allergie. Quando la sera di Halloween, il prossimo 31 ottobre, milioni di bambini andranno di casa in casa per il famoso “trick or treat”, anche quelli che soffrono di allergie potranno divertirsi e partecipare alla festa: le case con le zucche celesti infatti offriranno loro giocattolini anziché dolcetti, e non ci sarà pericolo.  

Il “Teal Pumpkin Project” è nato per iniziativa di una mamma, nel Tennessee, nel 2012. E grazie a quella signora, Becky Basalone, ora è una iniziativa nazionale, adottata dal FARE, la “Food Allergy Research Education”, un’associazione dedicata a diffondere informazione sul problema delle allergie. La signora Basalone voleva proteggere il proprio bambino, fortemente allergico e aveva “arruolato” alcuni vicini, disposti ad aiutare. Oggi sono decine di migliaia le famiglie che partecipano al progetto.

Almeno sei milioni di bambini americani soffrono di allergie varie, a cominciare da quella alle arachidi, alla frutta in guscio (noci, mandorle, nocciole), al grano, il frumento, il latte, le uova. Proprio ingredienti che dominano nei dolci che vanno per la maggiore durante la sera di Halloween.

Il rischio per i bambini allergici è serio, tanto che i genitori li accompagnano nel giro dei quartieri avendo sempre in tasca la siringa con l’iniezione salvavita di adrenalina, in caso di emergenza. Molti genitori però preferiscono tenere i bambini in casa, o vestirli negli abiti carnevaleschi ma impedendo loro di bussare alle porte e completare la festa con la frase “trick or treat!”. Alcuni accettano l’intero percorso, ma immediatamente requisiscono il malloppo di dolcetti che il bambino raccoglie.

Partecipare al progetto è facile: finte zucche colore teal si trovano oramai anche nei supermercati. Ma uno può dipingersela a casa. Poi basta comprare regalucci da pochi soldi: mazzi di carte, fischietti, collanine, braccialetti, penne colorate, ecc. Mettere tutto dentro un gran vassoio tenuto ben distante da quello dei dolcetti, e il gioco è fatto.

Ci si può anche iscrivere alle liste di FARE, in modo che i genitori interessati sappiano in anticipo dove troveranno le zucche celesti. E comunque FARE offre mille suggerimenti su come rendere la festa di Halloween una gioia anche per i piccoli sofferenti di allergie.

Ovviamente, anche le grandi case produttrici di merendine e dolci stanno cercando di mettersi al passo, producendo dolci senza componenti pericolosi. E già c’è chi pensa che l’iniziativa dovrebbe estendersi. E magari a Pasqua preparare uova celesti.

   Venerdì 6 Ottobre 2017, 18:13
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-10-10 08:56:25
purtroppo tracce di frutta a guscio è presente su moltissime confezioni sia dolci che salate e nel dubbio sono molti i prodotti che si evitano, per questo ben vengano le zucche celesti anche se da noi Halloween non ha molta presa, per noi il primo e 2 novembre è un modo per ricordare chi ci ha lasciato e non è proprio una festa semmai una commemorazione.
QUICKMAP