Giorgio Ursicino
BLOG MILLERUOTE di Giorgio Ursicino

Un imperatore a Le Mans: la lezione di Akio Toyoda

Potrebbe sembrare una maledizione, è solo la 24 Ore. La corsa più appassionante, difficile e ambita sa anche essere cinica, dura, qualche volta spietata. La Porsche ha di nuovo vinto e la Toyota ha perso. Per i giapponesi potrebbe sembrare l’ennesima batosta, ma non è così. Certo, la delusione per un misero 9° posto, dopo aver dominato le prime due gare dell’anno, tutte le prove e la prima metà della 24 Ore, è tanta. Ma nei volti dei giapponesi non c’è choc e disperazione. Nel cuore della notte, quando si è consumato l’ennesimo dramma sportivo, erano più increduli e dispiaciuti al box tedesco che a quello giapponese. Matthias Muller, il numero uno del Volkswagen Group di cui fa parte Porsche, lo aveva detto prima della partenza: «a noi non piace vincere così».

Vedere i rivali, formidabili combattenti, ammirati e stimati, perdere due gioielli in pochi minuti (uno dei quali per una banale tamponata) è una scena dura da digerire per tutti. Guardare sul video le formidabili astronavi jap cercare di raggiungere i box pesantemente ferite è come un cazzotto nello stomaco. I due rivali si sfidano e si rispettano, reciprocamente; dicono il vero quando sostengono che non godono per le disgrazie altrui. I due giganti si confrontano sul mercato globale a colpi di oltre 10 milioni di veicoli venduti l’anno ed hanno deciso di incrociare i fioretti anche a Le Mans, le Olimpiadi del motorsport. E lo faranno anche in futuro.

Quest’anno il team Toyota non ha avuto lo sbandamento accusato nel 2016 quando la loro vettura in testa si fermò a pochi chilometri del traguardo. Anche perché a guidare la spedizione, per la prima volta, c’era il presidente Akio Toyoda che, senza una sbavatura, ha messo in pratica il suo credo e la sua filosofia: «le gare si vincono al traguardo, si può vincere o perdere, le competizioni servono per fare vetture sempre migliori». Akio è stato il protagonista assoluto, ha dato spettacolo prima e dopo la gara, con il suo carisma e la sua fortissima personalità.

È sceso sulla griglia di partenza con la tuta da pilota, la domenica mattina era ai box con la divisa del team sfoggiando lo stesso sorriso nonostante i sogni di gloria fossero svaniti prima dell’alba. Dopo la bandiera a scacchi ha fatto dire ai suoi uomini: «Quest’anno Le Mans non ci ha scelto, speriamo lo farà in futuro. Noi torneremo». Guardando i trofei Toyoda ha sicuramente pensato che prima o poi finiranno anche a Nagoya, magari pure quello più grande che viene definitivamente assegnato solo a chi vince per tre volte di fila. Proprio come ha fatto la Porsche. Venerdì 30 Giugno 2017, 16:27
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP