Laura Bogliolo
BLOG DAILY WEB di Laura Bogliolo

Apple, "Duterte vs Zombies" è illegale? Proteste nelle Filippine

La guerra del presidente delle Filippine Rodrigo Duterte contro la droga è diventato da tempo un videogioco della Apple. Scelta non gradita però. Oltre 100 organizzazioni, tra cui gruppi di diritti umani e centri di riabilitazione delle droghe, sono firmatarie di una lettera indirizzata al CEO di Apple Tim Cook nella quale si chiede al gigante di tecnologico di "rimuovere immediatamente, omicidi, omicidi extra-giudiziali, violenze e la guerra alla droga nelle Filippine" nei suoi giochi. Le applicazioni citate nella lettera, scrive la Cnn, comprendono i titoli "Duterte vs Zombies", "Duterte Lotta al Crimine 2", "Tsip Bato: Ang Bumangga Giba !," "Duterte Running Man Challenge" e "Duterte Knows Kung Fu:. Pinoy Crime Fighter".

Il "punitore" Duterte da tempo ha ingaggiato una battaglia spietata contro la droga accordando tra l'altro la licenza di uccidere alla polizia (poi revocata). Migliaia di esecuzioni sommarie, killer pagati per uccidere. Recentemente il presidente ha anche minacciato di cacciare dal Paese gli ambasciatori degli Stati Ue, innervosito per le parole di una delegazione di parlamentari europei che ha fatto una conferenza stampa per denunciare la violazione di diritti umani. 

Nella lettera inviata alla Apple, le associazioni scrivono che «questi giochi valorizzano e normalizzano la tirannia emergente della presidenza di Duterte e il mancato rispetto dei principi dei diritti umani del suo governo». E ancora: «Nella realtà virtuale questi giochi possono sembrare innocui e divertenti, ma quando si collocano in realtà dove esistono veri assassini di persone e l'impunità delle forze dell'ordine, allora questi giochi diventano offensivi e disgustosi». 

A sostenere la lettere l'associazione Ampud che distingue tra consumatori di droga e rivenditori e promuove l'accesso universale a "trattamenti di droga basati sulle evidenze e adeguata assistenza medica". Anche membri delle Nazioni Unite e della Corte penale internazionale, hanno mostrato preoccupazione per la guerra indiscriminata del presidente delle Filippine alla droga. Secondo dati ufficiali, gli "squadroni della morte" avrebbero ucciso 4.000 persone, spacciatori e persone sorprese a drogarsi.

 




  Giovedì 12 Ottobre 2017, 21:18
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP