Luca Cifoni
BLOG CORRI ITALIA, CORRI di Luca Cifoni

Ocse: italiani troppo poco alfabetizzati, e lo stipendio soffre

Si fa presto a dire produttività. Cosa c'è davvero dentro la zavorra che frena la crescita dell'economia italiana, e mina anche l'inclusione sociale? Secondo l'Ocse, che ha apprena presentato il suo nuovo rapporto sul nostro Paese, uno dei punti deboli del nostro Paese è la "literacy" dei lavoratori: espressione che si potrebbe tradurre come "alfabetizzazione" ma indica in senso più generale le competenze linguistiche e matematiche. Da noi sono decisamente più basse rispetto alla media degli altri Paesi che fanno parte dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, e questo vale sia per coloro che hanno un'istruzione superiore o universitaria, sia per gli altri.

Il paradosso è che un assetto di questo tipo crea problemi anche a chi le competenze le ha. In Italia risulta alto lo skill mismatch, ovvero il divario tra esigenze dei datori di lavoro e competenze dei lavoratori. Quelli sovraqualificati rispetto alla literacy, ovvero che non hanno occasione di usare le proprie capacità al lavoro, sono il 12 per cento, quelli sotto qualificati l'8 (quest'ultima percentuale è doppia rispetto alla media Ocse). Insomma alcune imprese non trovano lavoratori all'altezza ma altre non offrono posti di buon livello, il che favorisce anche l'emigrazione dei giovani.

Ridurre il divario porterebbe ad un aumento della produttività (che l'Ocse stima in un 10 per cento) ma anche ad una dinamica più favorevole delle retribuzioni e ad più alto livello di benessere dei lavoratori stessi. L'organizzazione parigina lo raccomanda al governo italiano, esprimendo apprezzamento per le riforme del lavoro e della scuola già avviate.
  Mercoledì 15 Febbraio 2017, 16:09
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP