seguici su Google+ RSS
Venerdì 25 Luglio - agg.1:40
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Roma

Gabii, svelata la reggia dei Tarquini
Archeologi: testimonianza unica in Italia

Riportata alla luce tra settembre e dicembre 2009,
la costruzione risale al sesto secolo a.C.

La reggia dei Tarquini a Gabii (Mario De Renzis)

ROMA (25 febbraio) - Gli archeologi la considerano una testimonianza unica e straordinaria. In tutta Italia ne esistono forse una decina di esempi. E' stata riportata alla luce a Gabii, venti chilometri a sud di Roma la casa del rex della città antica. I muri delle stanze sono integri, un particolare quasi senza precedenti per l'epoca, e la dimora è composta da tre stanze non comunicanti tra loro che, con tutta probabilità erano affacciate su un grande portico e che erano gli ambienti della casa destinati al culto. I muri erano intonacati e dipinti. Sotto il pavimento in pietra sono state ritrovate intatte, le fosse di sacrifici rituali fatti per inaugurare il cantiere. In cinque di queste i corpi di altrettanti bimbi nati morti. «Non si tratta di sacrifici umani», precisano concordi il sovrintendente archeologo Angelo Bottini e il professor Marco Fabbri. Indizio però che si trattava di una casa molto importante.

Gli archeologi della sovrintendenza di Roma e quelli dell'università di Tor Vergata che insieme l'hanno riportata alla luce tra settembre e dicembre 2009 sono convinti che si tratti della casa dei Tarquini a Gabii, una reggia costruita nel sesto secolo a.C., forse su un edificio preesistente. Era una reggia sfarzosa con un tetto decorato da statue e da un fregio in terracotta riconducibile alla famiglia dei Tarquini.

L'ipotesi è che vi abitasse il figlio di Tarquinio il Superbo, Sesto Tarquinio. Ma forse la residenza era della famiglia già nei decenni precedenti. «Di certo -dichiarano Fabbri e Bottini - c'è che quella casa regale ad un certo punto venne distrutta o meglio, venne smontato il tetto monumentale e gli ambienti vennero seppelliti fino a lasciare solo un tumulo di pietre. Una fortuna. Perchè proprio quel seppellimento ha consentito alla reggia di arrivare praticamente intatta fino a noi».

Costato fino ad oggi 60mila euro lo scavo deve ora continuare. Si spera di trovare il tetto e gli altri ambienti della regia. «Cercheremo di stanziare altre risorse», dichiara il sottosegretario Francesco Giro. «La speranza - conclude Bottini - è che si possa continuare a scavare. E che proprio qui, nello scenario meraviglioso di Gabi, si possa allestire un grande parco archeologico».

Giovedì 25 Febbraio 2010 - 16:42
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Riforme, opposizioni al Colle. Si vota entro l'8 agosto. M5s all'attacco

E' ancora scontro sulle riforme e l'opposizione va in corteo al Quirinale per protestare.

Camion fa crollare ponte a Roma: via Flaminia chiusa, bus deviati

​Traffico intenso sulla via Flaminia dove circa mezz'ora fa un ponte pedonale in cemento...

Grottammare, il numero 23 fa vincere da 5 milioni a una donna di 50 anni: caccia alla fortunata

GROTTAMMARE - Maxivincita da 5 milioni a Grottammare con il Nuovo Maxi Miliardario. grazie al numero 23.

Riforme, Renzi: Grasso decida, io non mollo. Jobs Act entro Natale

«L'ostruzionismo è il tentativo di buttare tutto in aria ma con tutti gli strumenti del...

19enne cade e muore mentre smonta il tendone del circo

​È caduto mentre stava dando una mano a smontare il tendone del Circo Martini a Bellaria...

CASA
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
Agevolazioni fiscali per una casa più sicura
Sconto Irpef del 50% su porte blindate, grate e telecamere
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009