seguici su Google+ RSS
Martedì 22 Luglio - agg.23:15
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Roma

Sciopero europeo, guerriglia tra giovani e polizia a Roma: 8 arresti

Tafferugli sul Lungotevere: sassi, bottiglie e bombe carta. Incidenti alla Sinagoga

ROMA - E' guerriglia a Roma. Manifestanti e polizia si fronteggiano sul Lungotevere all'altezza di Ponte Sisto: sassaiole, bottiglie, auto danneggiate e cartelli divelti. E' qui l'epicentro della protesta, mentre si registrano scontri e feriti anche a Padova, Torino e Milano. I tafferugli, nel giorno della mobilitazione europea contro l'austerity, si sono spostati sul Lungotevere romano verso le 14,20. Un fitto lancio di pietre e bottiglie ha preceduto gli incidenti. I manifestanti prima di essere caricati si erano chiusi a «testuggine» con i scudi di gommapiuma e i caschi. Poi il lancio di oggetti e la carica. Per disperdere il corteo lanciati anche lacrimogeni. Divelti molti piccoli cassonetti di ghisa usati contro le forze dell'ordine.

Sono otto le persone arrestate a seguito degli scontri. Altre 8 persone sono state denunciate, ma non è escluso che altre persone tra quelle identificate oggi possano essere denunciate nei prossimi giorni. Tra gli arrestati, a vario titolo per violenza, resistenza a pubblico ufficiale e utilizzo di oggetti atti ad offendere, c'è anche una donna.

144 identificati e 16 feriti.
Gli identificati sono 144, 50 in stato di fermo e almeno 16 i feriti tra le forze dell'ordine. Sul ponte Sublicio nei pressi di porto di Ripa Grande dove stati sequestrati vari caschi e scudi. I feriti tra le forze dell'ordine comprendono 10 poliziotti, 5 carabinieri ed un funzionario di Polizia.

Il ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri, ha espresso «la più ferma condanna» per i gravi episodi di violenza verificatisi oggi in varie città. Ha, inoltre, espresso «apprezzamento per l'operato delle Forze di polizia». Lo riferisce il Viminale.

FOTO
1 - Guerriglia sul Lungotevere
2 - Auto danneggiate e cartelli divelti
3 - Scontri tra polizia e Blocco studentesco a Roma
4 - Corteo e scontri a Torino
5 - Tafferugli a Padova
6 - Tensione a Milano
7 - Il casco rotto dell'agente ferito a Torino

Le forze dell'ordine avanzano con alcuni blindati mentre i manifestanti arretrano verso la Sinagoga. È guerriglia sul Lungotevere all'altezza di Ponte Sisto: i manifestanti vengono contenuti dalle forze dell'ordine anche con i lacrimogeni che però vengono rilanciati assieme a numerose bombe carta.

È guerriglia tra le auto sul Lungotevere. I manifestanti cercano di ritirarsi tra le strade circostanti e inscenano una vera e propria guerriglia tra le auto lanciando di tutto: pali segnaletici, bombe carta e bottiglie. Molti gli automobilisti spaventati

VIDEO
1 - Guerriglia sul Lungotevere a Roma
2 - Gli scontri a Milano
3 - Roma, cittadini divisi
4 - Mestre, i manifestanti "sanzionano" la banca
5 - La protesta in Spagna: scontri a Madrid

«Giovanni dove sei?». Una madre piange e cerca il figlio durante gli scontri a Roma sul Lungotevere. Durante la carica la signora si è infilata nel corteo, noncurante degli scontri, e ha iniziato a chiamare il nome del figlio. Nel corteo degli universitari ci sono anche molti studenti delle scuole superiori.

Cariche anche con jeep blindate. Per disperdere il corteo degli studenti sul Lungotevere vengono usate anche delle jeep blindate che tentano di aprire al testa del corteo e disperdere così i manifestanti. Nel corteo sono presenti molte studentesse minorenni, le più spaventate. Molte piangono.

Auto con specchietti rotti, segnali stradali e cassonetti in ghisa divelti. E una strada piena di bottiglie, sassi e residui di petardi. Si presenta così il Lungotevere all'altezza di Ponte Sisto. «Ho trovato il vetro della mia macchina nero, come affumicato, e in parte crepato - ha raccontato una signora mentre apriva la sua auto - E' una cosa inconcepibile lasciare la macchina parcheggiata e ritrovarla così, è una vergogna».

Almeno una cinquantina di manifestanti bloccati dalle forze dell'ordine durante gli scontri. Molti i manifestanti che si sono ritirati verso Porta Portese dispersi dall'avanzata dei blindati.

Incidenti alla Sinagoga. «Fischi, bandiere palestinesi, urla contro Israele, grida pro Saddam e mortaretti. E mille bambini della scuola ebraica bloccati in istituto». Èquanto avvenuto all'ora dI pranzo davanti alla Sinagoga sul Lungotevere, durante il corteo degli studenti secondo il racconto del presidente della Comunità Ebraica di Roma, Riccardo Pacifici. Ora Pacifici lancia un appello affinchè le manifestazioni non passino davanti alla Sinagoga,«come del resto avviene da 30 anni, dall'attentato in cui rimase vittima Stefano Tachè». Solidarietà dalla Cgil.

Blocco studentesco, gli scontri della mattina. Tensione tra forze dell'ordine e militanti di Blocco studentesco, in mattinata. I manifestanti volevano forzare un cordone di sicurezza a via Ripetta per arrivare a Palazzo Chigi. Dopo un lancio di sassi contro le forze dell'ordine c'è stata una carica di alleggerimento. La città è interessata da vari cortei, in parte non autorizzati. Disagi e traffico in tilt. I manifestanti di Blocco studentesco erano circa un centinaio e si erano radunati a piazza del Popolo all'altezza di vai di Ripetta per tentare di raggiungere Palazzo Chigi. Ma hanno trovato un cordone delle forze dell'ordine a sbarrargli il passo. I manifestanti hanno risposto con un lancio di oggetti e sassi. Tre uomini delle forze dell'ordine sono rimasti feriti.

Il corteo. «Con la Ces per il lavoro e la solidarietà. No all'austerità». Dietro questo striscione di apertura era partito da piazza Bocca della Verità il corteo della Cgil diretto a piazza Farnese, facente parte della mobilitazione che coinvolge i principali Paesi europei.

Le forze dell'ordine hanno permesso l'accesso a via del Corso ad alcuni manifestanti Cobas attraverso un piccolo corridoio aperto nel cordone di sicurezza. A quanto riferiscono i Cobas è stato autorizzato il passaggio di cento persone.

Alemanno: intervenga il governo.
«Questa mattina due cortei autorizzati e tre non autorizzati. Roma paralizzata per poche migliaia di manifestanti. Vi pare giusto?». Così, su twitter, il sindaco di Roma Gianni Alemanno. Il sindaco si augura che «vengano presi provvedimenti seri per tutti coloro che saranno riconosciuti colpevoli di aver inscenato una vera e propria guerriglia per le strade di Roma e che gli sforzi delle Forze dell'ordine - conclude - non vengano vanificati da coperture politiche di comodo». «Mi chiedo cosa altro deve accadere per indurre il governo e le autorità di pubblica sicurezza a dare una vera regolamentazione alle manifestazioni nella Capitale d'Italia. Non si può continuare su questa strada che rischia di travolgere la vita della nostra città».

Mercoledì 14 Novembre 2012 - 11:00
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

In metropolitana c'è il pizzo sul biglietto: macchinette presidiate da gruppi di rom

Sputi ai turisti, estorsioni, guardie giurate minacciate e ferite con le penne negli occhi.

Papà trova babysitter che abusa del figlio Lo picchia a sangue, poi chiama la polizia

Lo ha picchiato così forte da farlo svenire. Poi ha chiamato la polizia: «Sono tornato a casa e...

Ilaria d'Amico e Gigi Buffon, coccole in alto mare: ecco le foto della loro fuga d'amore in Grecia

L'amore tra Ilaria d'Amico e il portiere della Juventus Gigi Buffon naviga in acque sicure. Ecco le...

Carambola sulla Cassia Bis: un morto e 5 feriti, 2 donne in coma, traffico paralizzato

ROMA - Maxi incidente sulla Cassia bis prima della galleria nella zona delle Rughe poco dopo lo svincolo per...

Maxi scontro sulla Cassia bis: morta la ragazza 17enne

È morta la ragazza diciassettenne coinvolta ieri pomeriggio nell'incidente avvenuto sulla Cassia...

CASA
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
Agevolazioni fiscali per una casa più sicura
Sconto Irpef del 50% su porte blindate, grate e telecamere
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009