seguici su Facebook Twitter Google+ RSS
Sabato 19 Aprile - agg.16:58
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Nel Mondo

Tremila detenuti italiani all'estero: nasce l'associazione "Prigionieri del silenzio"

ROMA (30 marzo) - Almeno tremila gli italiani detenuti all'estero con accuse generiche che non poggiano su prove certe. Giovanni Giuliani, 65 anni, è rinchiuso in un carcere della Repubblica Moldova da ben cinque anni in attesa di giudizio. È accusato di truffa. Ma si è ritrovato da solo e senza mezzi ad affrontare la sua difficile battaglia giudiziaria. È molto malato e stanco di lottare. Il suo caso è stato portato all'attenzione con una lettera inviata dalla «Fondazione Regina Pacis» al Ministero degli Esteri italiano, in cui si chiede che possa essere valutata «ogni possibilità, anche quella di sollecitare la concessione della grazia al Presidente della Repubblica di Moldova Vladimir Varonin». Ma il caso di Giuliani non è l'unico. Spesso questi detenuti sono colpiti di provvedimenti cautelari che durano anni prima di trovare sbocco in un processo. Senza avere diritto neppure ad una difesa d'ufficio come avverrebbe in Italia. È per questo che è nata [IL]http://www.prigionieridelsilenzio.it/[IP]Prigionieri del Silenzio[FL], un'associazione di supporto per le famiglie dei reclusi, creata un mese fa per volontà di otto donne. L'obiettivo: sostenere e guidare i parenti degli italiani detenuti da anni all'estero. Con un direttivo composto di sole donne, l'associazione, presieduta da Katia Anedda, compagna di Carlo Parlanti, il manager italiano detenuto in un carcere americano da oltre tre anni, si prefigge lo scopo di rendere accessibile la giusta informazione e gli strumenti necessari alla gestione di una situazione di emergenza come quella dei detenuti in terra straniera. L'associazione si avvale della consulenza legale del penalista romano Gianluca Arrighi e dell'avvocato Emanuela Santarelli. L'associazione si batte anche per assicurare ai detenuti italiani nei Paesi stranieri il beneficio del gratuito patrocinio. Tra i primi a rivendicare questo diritto i genitori di Angelo Falcone, 27enne arrestato in India e accusato di spaccio di droga dalla polizia locale di Mandi insieme ad un coetaneo italiano, Simone Nobili, e a due indiani. Il padre di Angelo, Giovanni Falcone, materano di Rotondella, sta conducendo una battaglia per dimostrare l'ingiustizia subita dai due ragazzi, e ha aperto un [IL]http://giovannifalcone.blogspot.com/[IP]blog[FL] ed incessantemente cerca di portare il caso all'attenzione dei media nazionali. Giovanni Falcone, che ha già fatto lo sciopero della fame e minaccia anche azioni autolesionistiche, ha sollevato il problema: all'estero non è garantito il patrocinio gratuito dello Stato ai connazionali alle prese con la giustizia. Falcone è convinto che suo figlio e l'amico Simone Nobili sarebbero già liberi se avessero avuto un'assistenza legale adeguata al caso. Invece rischiano pene fino a 20 anni perché accusati di detenere a fini di spaccio 18 chilogrammi di hascisc in due valigie. Anche Simone Righi, detenuto in Spagna e Carlo Parlanti, in America non hanno potuto beneficiare del gratuito patrocinio.

Domenica 30 Marzo 2008 - 18:55
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
Lavorava in Germania Dopo 42 anni «Ecco la pensione»
CHIETI - Lavora per pochi mesi alla Siemens di Monaco e, 42 anni dopo, gli...
GUARDA TUTTE LE NEWS DELL' ABRUZZO
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Prende guardia giurata in ostaggio per rapinare cassa continua, ucciso da un carabiniere a Circonvallazione Aurelia

Tragico tentativo di rapina stamattina alle 7.30, sulla Circonvallazione Aurelia 21, a Roma,

Napolitano, ipotesi di addio anticipato: dimissioni entro fine anno

E' un bilancio in agrodolce, in cui pesano fattori contrastanti, quello che traccia Giorgio Napolitano...

Fisco, giù l'Irap e stretta sulle rendite finanziarie

Alleggerimento dell'Irap, pur se in misura parziale per quest'anno e piena (dieci per cento) dal...

Bonus Irpef da 80 euro, rinvio per gli incapienti e le partite Iva

Alla fine l'operazione "80 euro" è tornata alla sua fisionomia originale, quella che...

Uomini ossessionati dalle dimensioni del pene: Milano "capitale" degli interventi

Milano è diventata la capitale della penoplastica. Una media di 20-30 interventi al mese e un record...

CASA
Pensioni nel 2014, cresce l'età delle donne
Si allontana il congedo. Nel 2017 pareggio anagrafico tra i due sessi
Case sfitte, quando e perché si paga l'Irpef
La tassa è dovuta per alloggi vuoti nella città di residenza
Guida alla Tasi, prima rata a giugno
Presto le aliquote decise dai Comuni. Il saldo entro il 16 dicembre
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2012 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009