seguici su Google+ RSS
Giovedì 24 Luglio - agg.0:07
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

Finanziamenti ai partiti, Violante:
«Basta ipocrisie, tagliarli è impossibile»

«Per il 2012 le forze politiche hanno già impegnato il denaro
Ma la riforma è irrinuciabile, sì a contributi privati con un tetto»

ROMA - Presidente Violante, sui finanziamenti ai partiti accordo slittato e polemica sempre più rovente. Vedremo mai la riforma?
«Il voto amministrativo fa prevalere i toni propagandistici».

Ma quante probabilità ci sono che vada in porto una riforma del finanziamento pubblico?
«I partiti hanno il dovere di trovare un accordo. Però è un lavoro da fare su basi serie».

Cosa vuol dire?
«Si legge che alcuni partiti hanno già cartolarizzato con le banche la quota di finanziamento prevista per quest’anno. Un atto legittimo. Ma se è così capisco la difficoltà che, al di là dei discorsi, alcuni hanno ad accettare il principio del dimezzamento delle risorse a partire da oggi».

Nulla però impedisce di cambiare almeno per il futuro, i segnali di irritazione dell’opinione pubblica sono evidenti e anche il Quirinale...
«Oggi è necessario ridimensionare il flusso dei finanziamenti. Ma occorre serietà».

Che vuol dire?
«Bisognerebbe essere meno ipocriti e dividere il rimborso elettorale vero e proprio dal finanziamento pubblico annuale che resta necessario».

Come calcolerebbe l’entità del finanziamento?
«La quota di fondi pubblici dovrebbe essere rapportata a quella raccolta da ciascun partito presso privati. Bisognerebbe porre un tetto al finanziamento privato e garantire la conoscenza dell'identità del finanziatore che superi una certa soglia. E' in gioco la indipendenza della democrazia dalle forze economiche, che non possono apparire come forze occulte con collegamenti opachi con i partiti».

Perché?
«I cittadini hanno diritto di sapere chi finanzia i partiti e anche le imprese e tutti i partiti hanno lo stesso diritto. La clausola di trasparenza é prevista in molti altri Paesi».

Questo non ha impedito anche in quei Paesi l’esplosione di scandali anche ai massimi livelli.
«Ma infatti il problema del rapporto fra politica e risorse non è solo italiano e, da noi, non si può risolvere solo con la legge sui finanziamenti». E come allora? «Occorre anche una legge che stabilisca cosa sono i partiti, in attuazione dell’articolo 49 della Costituzione. I partiti hanno due finalità: concorrere per il potere di governo e garantire la partecipazione dei cittadini alle grandi scelte nazionali. Se c'è solo la prima finalità, la politica si riduce ad uno scontro fra oligarchie e permane una irrisolta nuova questione morale. Dunque l’obiettivo di una legge sui partiti come strumento di partecipazione dei cittadini è irrinunciabile».

Cosa dovrebbe prevedere questa legge?
«Presenza organizzata sul territorio, formazione politica e chiare regole democratiche. Ma insisto anche sulla risoluzione della nuova questione morale, che si fa con la volontà non con la legge».

E’ realistico che si possa arrivare ad una legge di questo tipo in fine di legislatura?
«Sul finanziamento la soluzione è possibile, sul resto è più difficile. Da quando c’è il governo Monti gli schieramenti sono tornati a parlarsi; il muro è crollato e tutte le questioni irrisolte sono diventate indifferibili; ma bisogna scegliere perché non si può fare tutto».

Che ruolo avrà Giuliano Amato incaricato di consigliare il governo sul da farsi sul fronte partiti e sindacati?
«Un ruolo positivo perché aiuterà a mettere a fuoco le misure da prendere».

Sabato 05 Maggio 2012 - 09:27
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

La moglie non vuole fare sesso, lui pubblica online tutte le scuse usate

C'è chi dice che il matrimonio sia la tomba dell'amore. Per qualcuno, sicuramente lo...

«Chiama il mio fidanzato», e Siri risponde: «Quale dei due?». L'iPhone inguaia la ragazza infedele

Siri è un noto software che grazie al riconoscimento vocale aiuta in molte situazioni, ma in una...

Papà trova babysitter che abusa del figlio Lo picchia a sangue, poi chiama la polizia

Lo ha picchiato così forte da farlo svenire. Poi ha chiamato la polizia: «Sono tornato a casa e...

Roma, incidente sul Gra nella notte: muore un uomo di 67 anni, tre feriti

Incidente mortale nella notte sul Grande raccordo Anulare a Roma. È caccia al conducente...

Addetti alle pulizie trovano un pupazzo "impiccato" in una casa e lo gettano nella discarica: ma era un cadavere

Non hanno avuto nemmeno un dubbio. I due addetti di una società di pulizie che si sono trovati davanti...

CASA
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
Agevolazioni fiscali per una casa più sicura
Sconto Irpef del 50% su porte blindate, grate e telecamere
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009