Ragazza di 25 anni violentata e scaricata dall'auto dopo una festa

Abbordata, fatta salire con una scusa su un’auto, violentata e gettata a terra, da sola in aperta campagna con una temperatura di diversi gradi sotto lo zero. L’Aquila e il suo comprensorio, devono purtroppo ancora fare i conti con una brutta storia di violenza carnale nei riguardi di una ragazza di 25 anni. Secondo la denuncia presentata dalla ragazza e dai suoi genitori la violenza carnale si sarebbe consumata durante la notte del 23 dicembre fino alle prime luci dell’alba della vigili del Natale. La giovane in compagnia di altri amici stava partecipando ad una festa organizzata da un locale pubblico di un Comune popoloso della zona est della città, quando all’improvviso sarebbe stata avvicinata da un uomo più grande di lei, a quanto pare anche lui invitato nella serata danzante. Forse complice qualche bicchiere di troppo di alcol (particolare anche questo al vaglio degli investigatori) la giovane sarebbe stata invitata a salire nella macchina dell’uomo e ad allontanrsi dal luogo. Una volta raggiunto un posto sicuro, lontano da testimoni, l’uomo avrebbe esercitato violenza fisica sulla ragazza, lasciata da sola in mezzo alla campagna dal presunto aggressore che è andato via in tutta fretta.

E’ stata un’amica della giovane a ritrovarla sotto choc, da sola in parta campagna, dopo essersi impensierita nel non vederla tornare con il sorgere del sole. La giovane ha immediatamente raccontato cose le era accaduto e con i gentori è stata accompagna al Pronto soccorso per le analisi del caso. Secondo indiscrezioni il racconto della ragazza è perfettamente aderente alle lesioni ed ecchimosi riportate a seguito della brutale violenza sessuale. Ora da parte degli investigatori della Squadra mobile è corsa contro il tempo, per assicurare alla giustizia il presunto violentatore che a quanto pare sarebe di cittadinanza italiana. Gli agenti hanno sequestrato anche il cellulare della giovane violentata, i tabulati telefonici e gli stessi indumenti per essere analizzati nei laboratori specializzati nel tentativo di ricavare tracce di dna utili per dare una svolta all’inchiesta. Già da ieri gli investigatori hanno cominciato ad ascoltare le persone informate dei fatti. La violenza è avvenuta in un contesto ambientale non di degrado.
 
Gioved├Č 28 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 13:32

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 59
QUICKMAP