Paziente omicida, il medico condannato a pagare mezzo milione

Dovrà risarcire con oltre 550.000 euro la madre e il fratello di Massimiliano Sabatini, il giovane ucciso allo Scalo sotto un palazzo di via Ricciardi il 27 febbraio del 2006, da Mimmo Minutiello (figlio di un ex maresciallo dei carabinieri) il quale, freddato l'amico con due colpi di revolver, si suicidò. Il Tribunale civile, in persona del giudice Francesco Turco, ha condannato Rocco Enrico Centurione, medico curante di Minutiello, a risarcire i danni e dovrà farlo di tasca sua perché la domanda di manleva è stata rigettata e dunque non è l'assicurazione a pagare. Il medico, assistito dall'avv. Giuliano Milia, rilasciò a Minutiello il certificato dal quale non emergevano le patologie psichiche da cui questi era affetto, e per le quali era stato sottoposto a cura, consentendogli di conseguire il porto d'armi ovvero il via libera per acquistare la pistola. Rita Donatelli ed Emiliano Sabatini si sono affidati agli avvocati Marco Femminella e Danila Solinas i quali hanno portato a termine vittoriosamente una vicenda complessa. Centurione, condannato a 2 anni e 4 mesi per falso ideologico, oltre a 100mila euro di provvisionale,fu assolto in Appello. Ma la Cassazione, su ricorso delle parti civili, dopo aver censurato la sentenza di secondo grado parlando di valutazioni manifestamente illogiche che violano i criteri legali di definizione del nesso causale dettatati dagli articoli 40 del codice penale, nonchè dei principi pure ricavabili dal sistema in tema di cooperazione colposa, ha annullato la sentenza di appello rinviandola al giudice civile. Secondo il quale esiste senza alcun dubbio il nesso causale fra la condotta del medico e la morte di Sabatini, assumendo una rilevanza causale decisiva in ordine al verificarsi del rischio garantito.

E sussiste una gravissima violazione delle norme cautelari da parte del medico il quale, seppure non specializzato in psichiatria, ha ritenuto di non condividere la diagnosi del dott. Bocola, specializzato in neurologia e psichiatria. In un passaggio della comparsa conclusionale preparata dagli avvocati Femminella e Solinas, si evidenzia l'aspetto determinante dell'intera vicenda: quando, il 29 dicembre 2015, Minutiello presentò alla Questura la richiesta per il rilascio del porto d'armi, nel certificato rilasciato da Centurione si attestava, barrata con un doppio no, l'assenza di problemi psichici e la concomitante assunzione di farmaci. Il porto d'armi venne rilasciato cinque giorni prima della tragedia, che ha annientato due giovani vite e distrutto le loro famiglie.
Sabato 13 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 10:27

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-01-15 16:03:01
sono un ex medico di medicina generale. Medaglia d'argento alla sanità pubblica, se interessa potrei commentare o incontrarvi per vedere meglio il fenomeno delle false attestazioni
QUICKMAP