Gasdotto, i sindaci a Roma per dire “no” alla centrale di Sulmona

Sono partiti alle 8 in punto da Sulmona alla volta di Roma per dire no alla realizzazione della centrale di compressione Snam sul territorio del centro peligno a servizio del metanodotto Brindisi-Manerbio - progetto che ha avuto l'autorizzazione del Governo - il sindaco di Sulmona, Annamaria Casini e altri venti primi cittadini del centro Abruzzo. Alle 11 saranno ricevuti a palazzo Chigi dal presidente del consiglio Paolo Gentiloni al
quale consegneranno un documento da loro sottoscritto in cui spiegano le motivazioni del dissenso all'opera che ritengono fortemente impattante dal punto di vista ambientale e pericolosa, in quanto prevista in un territorio ad alto rischio sismico. Nell'occasione, se il Governo confermerà la decisione, il sindaco come annunciato nei giorni scorsi riconsegnerà la fascia tricolore direttamente nelle mani di Gentiloni. Pronti a fare lo stesso si sono detti anche gli altri sindaci.
Venerd├Č 29 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 10:16

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP