Roma, 17enne uccide a pugni in una lite: «Mi ha sputato, ho reagito»

di Marco De Risi
​Un ragazzo pakistano di 28 anni Ť stato ucciso a pugni da un 17enne romano, nel quartiere di Torpignattara. Tutto per uno sputo. L’assassino √® un minore: un ragazzino romano di 17 anni che risiede con la famiglia nella zona dove ha ucciso a pugni un pakistano di 28 anni, Khan Muhamad Shanzad. Tutto √® accaduto quando mancavano pochi minuti alla mezzanotte su un tratto di via Lodovico Pavoni, a Torpignattara. Il minorenne litiga con il pakistano che muore sul colpo dopo le botte ricevute. Interviene il personale di un’ambulanza ma non riesce a rianimare lo straniero il cui cadavere viene coperto con un lenzuolo. Il 28eene era a Roma con permesso di soggiorno anche se era senza fissa dimora. Il minorenne non si √® allontanato sul posto.



¬ęSolo un pugno¬Ľ ¬ęStavo rincasando - ha detto il ragazzino ai carabinieri - e ho visto il pakistano ubriaco che infastidiva i passanti. Quando gli sono passato vicino lui mi ha sputato e, quindi, ho reagito¬Ľ. Spiegazioni che non sono state sufficienti per evitargli l’arresto. A procedere sono stati i carabinieri di zona che sono arrivati dopo pochi minuti l’omicidio. Fondamentale per ricostruire la scazzottata che √® costata la vita allo straniero la collaborazione di alcuni testimoni che hanno assistito alla violenza. Sembra che il minore fosse in compagnia di un amico ma che quest’ultimo non abbia preso parte al pestaggio. ¬ęVi assicuro - ha detto l’assassino ai militari - gli ho dato solo un pugno e lui si √® accasciato ed √® morto¬Ľ. Sar√† fondamentale l’autopsia che si svolger√† nei prossimi giorni per stabilire come siano andate esattamente le cose.



L'arresto Per ora il diciassettenne √® stato arrestato con l’accusa di omicidio preterintenzionale . Ma, se l’autopsia dimostrer√† che il giovane ha infierito pi√Ļ volte sul pakistano l’accusa potrebbe trasformarsi in quella pi√Ļ pesante di omicidio volontario. Per il momento l’assassino √® stato portato al carcere minorile.



I testimoni In base a quanto riferito da alcuni testimoni il pachistano è stato aggredito a calci e pugni. Una ricostruzione che si discosta dalle parole del minorenne. A chiarire le cause della morte del ragazzo straniero, un incensurato disoccupato che si trovava nel nostro Paese con regolare permesso, sarà l'autopsia che verrà effettuata nelle prossime ore all'Istituto di Medicina Legale dell'Università La Sapienza. Ancora da identificare, invece, il ragazzo che era insieme all'arrestato quando ieri sera hanno incrociato la vittima che, ubriaca, infastidiva i passanti con urla e schiamazzi.
Venerdì 19 Settembre 2014 - Ultimo aggiornamento: 21-09-2014 12:08

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 101 commenti presenti
2014-10-15 00:09:10
Ultimo aggiornamento sulla vicenda: http://www.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/pakistano_ucciso_torpignattara_padre_ragazzo_pugni/notizie/955773.shtml (immagino che si possano linkare contenuti de Il Messaggero su Il Messaggero). Non mi aspetto che i tanti che hanno scritto commenti da neurodeliri si scusino o ritirino quelle mostruosità. Figuriamoci. Però spero che almeno per 5 minuti, nel privato, si vergognino un pochino.
2014-09-21 21:15:54
Siamo alle solite, un fatto di cronaca, un episodio di violenza, di inciviltà, diventa uno sfogo di razzismo per tutti coloro che vogliono dare le colpe di questa disavventura all'emigrazione. Non un commento che parla di educazione, di valori, di consigli davanti a una situazione che puo' diventare pericolosa. Il discorso razzista semplicistico è comprensibile che esista, ma è pauroso leggendovi, di quanto sia diffuso. E questo alimentato dai giornalisti. Che senso a questa digressione su i permessi di soggiorno, su dove vive e di che nazionalità è la vittima? Se non sottilmente lasciar pensare che sia la causa del problema? Il punto è che un ubriaco a sputato e un'incosciente l'a ammazzato. Il resto è razzismo. E qui, specchio della società italiana, si parla solo di questo. Purtroppo.
2014-09-21 00:24:50
Che non si debba uccidere per alcun motivo √® sacrosanto, ma buttare la colpa sulle spalle di un ragazzo 17enne √® assurdo, anche perch√© la vera responsabilit√† dell¬íomicidio √® di coloro che dovrebbero far rispettare le leggi e non lo fanno. Ed √® a causa di questa mancanza di responsabilit√† di chi ci governa, e di chi dovrebbe tutelarci, a portare gli italiani, e il ragazzo, all¬íesasperazione. I cittadini sono costretti a farsi giustizia da soli perch√© chi dovrebbe non interviene. E intanto ubriachi violentano le donne, e alla guida di auto investono persone innocenti. Per non parlare di altri reati che potrebbero essere evitati se solo si facesse rispettare la legge a ¬ďtutti¬Ē, e non solo a quelli che pagano le tasse e possono essere spennati.
2014-09-21 00:19:44
li cacciamo e risolviamo
2014-09-20 21:39:54
Sarà un pakistano del sub sahara?
QUICKMAP