Vigili Roma, sciolto il rebus del comandante
dalla polizia arriva Raffaele Clemente

Si scioglie il nodo del comandante dei vigili di Roma. Il sindaco Ignazio Marino, dopo la rinuncia del colonnello dei carabinieri Oreste Liporace punta ancora su un esterno al Corpo: si tratta di Raffaele Clemente.



Il nuovo comandante indicato dal sindaco è un “superpoliziotto” dell'anticrimine della polizia, già capo della sala operativa della Questura di Roma. «Abbiamo la delibera di giunta di 30 minuti fa che indica il contratto per 3 anni: il suo stipendio lordo sarà di 146.510 euro», ha detto il sindaco di Roma, Ignazio Marino, in Campidoglio, parlando del nuovo comandante dei vigili urbani. Su Liporace, si è giustificato il sindaco, «non sono stati errori di metodo ma di procedura».



«Abbiamo ricevuto 99 curricula. Alla fine ne avevamo alcuni che erano davvero eccellenti. Alcuni di questi non corrispondevano alle indicazioni che avevo dato io stesso nell'avviso pubblico. Se c'è stata qualche negligenza nel controllare è stata del primo cittadino e non dei suoi collaboratori, io ragiono così», ha detto Marino. «Il nuovo comandante dei vigili urbani - ha aggiunto - è un uomo di grandissima esperienza e sono contento che finalmente la Polizia Municipale potrà avere un leader all'altezza della sua fama».



Clemente prende il posto di Carlo Buttarelli, che si era dimesso nel luglio scorso dopo alcune divergenze avute con il sindaco Ignazio Marino sul piano antiabusivismo nelle piazze storiche di Roma. Solo una settimana fa Marino aveva ufficialmente presentato il colonnello dei carabinieri Oreste Liporace che ieri ha rifiutato la nomina in seguito al 'pasticcio' sulla mancanza nel suo curriculum del requisito di 5 anni di esperienza come dirigente in un ente pubblico.
Giovedì 10 Ottobre 2013 - Ultimo aggiornamento: 11-10-2013 12:25

© RIPRODUZIONE RISERVATA
QUICKMAP