Amatriciana, scuse di Cracco
e la notizia arriva in Europa

RIETI - Caso Amatriciana, scuse dello chef Carlo Cracco e notizia che supera i confini nazionali. Lo chef Carlo Cracco, che sabato sera, in una trasmissione di Canale 5 con Maria De Filippi aveva indicato "l'aglio in camicia" tra gli ingredienti per l'amatriciana, oggi si scusa: in un'intervista al Messaggero (sulle pagine nazionali, nell'edizione in edicola oggi), afferma che era uno scherzo, scusandosi con Amatrice.



THE GUARDIAN



Ma, intanto, la notizia inizia a fare il giro d'Europa: l'edizione on line dell'inglese The Guardian riporta della polemica (http://www.theguardian.com/lifeandstyle/2015/feb/09/italian-chef-cracco-ridiculed-amatriciana-secret-ingredient-garlic). Nell'articolo, si riporta un elenco di ingredienti: guanciale, pecorino, vino bianco, pomodori San Marzano, pepe e peperoncino.



IL SINDACO



Il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, dalla sua pagina facebook, ringrazia il presidente della regione, Nicola Zingaretti, per il suo intervento di ieri (http://www.ilmessaggero.it/RIETI/amatriciana_aglio_cracco_zingaretti/notizie/1171083.shtml), "a difesa" della vera Amatriciana: "Ho appena ricevuto la telefonata del Presidente Zingaretti che mi esprimeva la sua solidarietà per le nostre battaglie a tutela della nostra famosa ricetta, prodotto tradizionale tipico della Regione Lazio.

Grazie Nicola!".



Insomma, il caso sembra chiudersi e l'amatriciana rimane fedele alla sua tradizione.
Martedì 10 Febbraio 2015 - Ultimo aggiornamento: 13:31

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2015-02-10 18:48:11
Adesso aspettiamo le scuse di tutte le famiglie del reatino, del piceno, della capitale, gli umbri limitrofi e tutti gli altri che usano la ricetta tradizionale di famiglia e che non seguono esattamente il protocollo della "vera amatriciana". Noi ci scusiamo perché ad esempio usiamo il pecorino romano o la ricotta salata al posto del pecorino amatriciano, il guanciale non è quello di amatrice ed anche i pomodori non usiamo sempre i San Marzano. Non ricordo nemmeno che usiamo il vino, probabilmente per "sfumare" il guanciale ... ci scusiamo perché ai nostri amici toscani, liguri, emiliani, piemontesi, friulani abbiamo fatto mangiare qualcosa che assolutamente non è amatriciana visti gli ingredienti che ho citato prima. Scusateci. La prossima volta, per non sbagliare, apriremo un sugo pronto dove in etichetta riportano "Amatriciana". Di sicuro quelle industrie utilizzeranno la ricetta garantitissima ... infatti non ho mai sentito nessuno accusarli di fare una copia sbagliata!
QUICKMAP