seguici su Facebook Twitter Google+ RSS
Giovedì 17 Aprile - agg.11:30
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

Papa Francesco lava i piedi ai giovani detenuti di Casal del Marmo: «Chi è più in alto sia al servizio degli altri» FOTO

Francesco alll'istituto romano: per la prima volta alla lavanda hanno partecipato anche le donne

ROMA - Papa Francesco ha celebrato la messa «in Coena Domini» del Giovedì Santo nel carcere minorile di Casal del Marmo. Durante la liturgia il Pontefice ha lavato i piedi a 12 giovani detenuti di nazionalità e confessioni diverse, tra cui due ragazze, una italiana di religione cattolica e una serba nata a Roma, di fede musulmana. «Questi ragazzi mi aiuteranno di più a essere umile, a essere servitore, come dev'essere un vescovo» - ha poi detto al termine della visita all'istituto. «Quando mi è stato chiesto dove volevo andare in visita, la scelta di Casal del Marmo mi è venuta dal cuore - ha aggiunto -, le cose del cuore non hanno spiegazione».

Il significato del rito. «Dobbiamo aiutarci uno con l'altro» - aveva detto Bergoglio durante la celebrazione - «questo è quello che Gesù ci insegna e questo che io faccio, è il mio dovere, che mi viene dal cuore, amo farlo». «Questo è commovente: Gesù che lava i piedi ai suoi discepoli», ha detto il Papa. «E lui stesso spiega ai discepoli - ha proseguito -: capite quello che ho fatto per voi, voi mi chiamate Maestro e Signore, e dire bene perchè lo sono. Se dunque io Signore e Maestro ho lavato i piedi a voi, anche voi dovere lavare i piedi l'uno all'altro. Vi ho dato l'esempio perchè voi facciate lo stesso l'un l'altro». Secondo papa Bergoglio, «l'esempio del Signore, lui che lava i piedi, è che quello che è più in alto dev'essere al servizio degli altri. Questo è un simbolo e un segno: lavare i piedi vuol dire che io sono al tuo servizio».

«Tra noi - ha continuato - non è che dobbiamo sempre lavarci i piedi. Dobbiamo aiutarci l'uno all'altro, l'altro a l'uno». «Varie volte mi sono arrabbiato con uno, con un altro», ha esemplificato il Pontefice. «Lascia perdere - è stato il suo invito -, e se ti chiede un favore, fallo. Aiutarci l'un l'altro: questo è quello che Gesù ci insegna e quello che io faccio». «Lo faccio di cuore - ha aggiunto - perché è mio dovere come prete e come vescovo. Devo essere al servizio di voi, ma amo farlo perché il Signore me lo ha insegnato». «Ma voi aiutateci sempre, l'uno all'altro - ha detto ancora papa Francesco - e così aiutandoci faremo del bene». «Adesso faremo questa cerimonia di lavarci i piedi - ha concluso la breve omelia - e ciascuno di noi pensi: io davvero sono disposto a servire, aiutare l'altro? Pensi quello soltanto, e questo segno è una carezza di Gesù, che fa perché Gesù è venuto proprio per questo per servire per aiutarci».

Papa Francesco ha poi celebrato il rito della lavanda dei piedi. Sono 10 i ragazzi e due le ragazze scelte tra i detenuti di Casal del Marmo. Inginocchiato a terra per sei volte su entrambe le ginocchia, papa Francesco ha lavato e baciato i piedi a dodici giovani detenuti, due alla volta, tra cui c'erano anche due musulmani e due ragazze. Lo ha riferito padre Federico Lombardi ai microfoni di Radio Vaticana durante la visita del Pontefice all'istituto minorile di Casal del Marmo. «È stato un momento estremamente commovente, e anche impegnativo», ha detto. Alla messa del Papa c'erano circa 120 persone.

«È la prima volta nella storia di un Papa» che alla lavanda dei piedi del giovedì santo partecipino anche delle donne. Lo ha confermato padre Federico Lombardo aggiungendo però che «già lo fanno molti sacerdoti e l'arcivescovo Bergoglio lo aveva fatto già molte volte». Normalmente nel rito vengono scelti degli uomini perché la lavanda dei piedi ricorda il momento dell'ultima cena di Gesù con i 12 Apostoli.

Il messaggio ai ragazzi. «Sono felice di stare qui con voi. Avanti e non lasciatevi rubare la speranza. Capito? Sempre con la speranza avanti. Grazie». È quanto ha detto papa Francesco ai giovani detenuti durante la visita nel carcere minorile di Casal del Marmo.

Giovedì 28 Marzo 2013 - 10:55
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
EDIZIONI LOCALI
Chieti, arrestati i quattro rapinatori dei colpi in serie a Capodanno 2014
CHIETI - Quattro persone sono state arrestate dai Carabinieri della Compagnia...
GUARDA TUTTE LE NEWS DELL' ABRUZZO
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Alitalia-Etihad, salta il matrimonio. Gli emiri si sono sfilati: nessuna garanzia su tagli del personale e rotte

Salta a sorpresa il matrimonio tra Etihad ed Alitalia. A un passo dalle nozze, ieri sera il vettore di Abu...

Statali, stangata sugli stipendi in arrivo: il primo tetto a 60mila euro

Tetto alle retribuzioni per tutti i dipendenti pubblici. Sta prendendo forma l'articolo del decreto...

Ucraina in fiamme, uccisi tre filorussi oggi il vertice decisivo a Ginevra

A poche ore dal vertice che inizia questa mattina Ginevra, la rivolta dei filorussi dilaga in tutta...

Campidoglio, si dimette l'assessore Morgante: «Volevo il rigore, ma non mi fanno tagliare»

​«Si poteva e si doveva tagliare la spesa e ridurre la pressione fiscale. Non è stato...

Taglio dell'Irpef: Renzi invita i "gufi" ad attendere venerdì

(Teleborsa) - Renzi rassicura gli italiani: non ci sarà nessun rinvio del taglio dell'Irpef per i...

CASA
Pensioni nel 2014, cresce l'età delle donne
Si allontana il congedo. Nel 2017 pareggio anagrafico tra i due sessi
Case sfitte, quando e perché si paga l'Irpef
La tassa è dovuta per alloggi vuoti nella città di residenza
Guida alla Tasi, prima rata a giugno
Presto le aliquote decise dai Comuni. Il saldo entro il 16 dicembre
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2012 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009