seguici su Google+ RSS
Venerdì 25 Luglio - agg.17:04
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

Tasi su prima casa fino al 3,3 per mille e scontrini fiscali più detraibili: oggi dal Cdm la riforma del Fisco

Intanto è già legge la riforma del CVatasto: si passa dai vani ai metri quadri

di Michele Di Branco
ROMA - Dossier Tasi: ultimo atto. La questione dell’aliquota aggiuntiva da concedere ai comuni per finanziare detrazioni in favore dei cittadini a reddito medio-basso sarà risolta oggi.
Il governo ha inserito nel decreto Salva Roma, che sarà approvato dal Consiglio dei ministri, una norma che metterà fine ad una vicenda che aveva creato forti tensioni tra i sindaci e l’esecutivo Letta. Palazzo Chigi lascerà inalterata l’attuale struttura della tassa che, per il 2014, prevede un’aliquota massima (parametrata sul valore patrimoniale) del 2,5 per mille sulle prime case e del 10,6 sulle seconde. Inoltre, in base agli accordi presi con l’Anci dall’ex ministro dell’Economia Saccomanni a fine gennaio, ci sarà la possibilità di aumentare l’aliquota fino a un tetto massimo aggiuntivo complessivo dello 0,8 per mille. Questo significa che sulle prime case l’aliquota potrà arrivare al 3,3 per mille e all’11,4 sulle seconde. Sul piatto c’è la salvezza dei bilanci, che vanno chiusi entro inizio marzo, di oltre 7 mila comuni.

IL GETTITO
Secondo i calcoli del ministero dell’Economia l’aliquota Tasi aggiuntiva, a seconda delle scelte dei comuni, produrrà un gettito compreso tra 1,3 e 1,8 miliardi di euro. Una dotazione alla quale vanno aggiunti altri 500 milioni già stanziati nelle legge di Stabilità. Soldi con i quali si potranno finanziare detrazioni più robuste per famiglie con figli o anziani a basso reddito ma anche correggere gli sbilanci finanziari degli enti locali. Una simulazione realizzata alcuni giorni fa da Via XX Settembre prevede che dividendo in parti uguali tra prime e seconde case lo 0,8 per mille di Tasi aggiuntiva ci sarà un introito di 1,5 miliardi. Anche se appare probabile che la maggior parte dei sindaci sceglierà di caricare il peso fiscale sulla seconda abitazione. Sono soprattutto i comuni più grandi a confidare nelle risorse che il decreto potrà assicurargli. Nel passaggio dalla vecchia Imu (che aveva un’aliquota del 4 per mille) alla Tasi si era infatti creato un buco di circa 700 milioni di euro. Con conseguenze pesanti per Milano (100 milioni di gettito in meno), seguita da Roma ( -60), Napoli e Torino (-40) e Catania (-15). Deficit che, avevano avvertito i comuni, avrebbero comportato tagli lineari su servizi cruciali come scuole, asili e assistenza agli anziani.

Intanto ieri il Parlamento ha approvato il ddl per la riforma fiscale. Dopo il via libera del Senato il testo ha incassato l'ok della Camera con 309 voti a favore, nessuno contrario e 99 astenuti (i deputati del Movimento 5 Stelle e Sel).

LA DELEGA FISCALE
Il governo ha ora un anno di tempo per varare i relativi decreti legislativi utili a rendere il sistema fiscale «più equo, trasparenze e orientato alla crescita», senza nuovi oneri per lo Stato. Il primo provvedimento di revisione del fisco dovrà comunque essere trasmesso alle commissioni del Parlamento entro quattro mesi. La riforma fiscale, ha spiegato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, «farà parte integrante di una strategia basata sulla creazione di posti di lavoro e incentrata sull'attivata di investimento delle imprese». Dalla riforma del catasto al contrasto alla ludopatia, dalla revisione degli sconti fiscali alla lotta all’evasione, la delega è destinata a cambiare profondamente il sistema fiscale italiano.

La riforma del catasto è uno dei punti centrali del provvedimento. La revisione prevede, nel giro di 5 anni, che il valore e la categoria degli immobili non si basi più sui vani, ovvero sul numero di stanze, ma sui metri quadrati. La rendita finale sarà poi determinata da una formula matematica che metterà in relazione tutte le caratteristiche, dal valore di mercato alla posizione. In tema di razionalizzazione delle spese fiscali, ogni anno il governo dovrà stilare un rapporto per riformare o eliminare le esenzioni e i regimi fiscali di favore, considerati inadeguati al contesto socioeconomico. Quanto alla lotta all’evasione verrà rafforzata grazie ai limiti al pagamento in contante, a vantaggio dei metodi di pagamento tracciabili. Si punterà sulla fatturazione elettronica, a cui si aggiunge un ampliamento delle categorie di beni e servizi per le quali è possibile detrarre gli scontrini fiscali. Le maggiori entrate «al netto di quelle necessarie al mantenimento dell'equilibrio di bilancio e alla riduzione del rapporto tra il debito-Pil» saranno trasferite al Fondo per la riduzione della pressione fiscale.
Venerdì 28 Febbraio 2014 - 07:29
Ultimo aggiornamento: 14:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
DAI LA TUA OPINIONE  
COMMENTI PRESENTI (14)Visualizza tutti i commentiScrivi un commento
una idea geniale
una nuova tassa da pagare in base all'età .
L'età indica l'uso,ne consegue che è direttamente proporzionale.Ovviamente come tutte le tasse ci sono esenzioni che vanno da 0 a 11 anni di età e dopo gli ottanta.
Da 11 a 18 anni 250e annui,da 19 a 40 1000e,da 41 a 50 500e,ecc ecc-
Soldi a josa,a petacce.
Poi c'è da tassare l'altra,qui è un po più difficile a meno che non creino un piccolo contatore da leggere ogni 6 mesi e quindi si paga in base agli scatti.
Altri soldi a josa.

Commento inviato il 28-02-2014 alle 17:15 da vincenzo51

478.000 disoccupati in più!
e diciamo che e oltre DUE MILIONI di persone neanche lo cercano più un lavoro perché non abbiamo veri uffici di collocamento ma mangiatoie a uffa;
sopra i 35 anni sei da buttare e per un contratto a chiamata sei troppo giovane,
grazie alla fornero, che ci hai massacrati per bene.
noi non abbiamo gli uffici di collocamento, no, abbiamo stipendiati garantiti a uffa!
a giudicare dai risultati e dalla loro incredibile inefficienza tra gli stessi uffici, è meglio ELIMINARLI e ripartire con altro gestito con regole precise.
in fondo da tanti anni, a parte rari casi di manovalanza come badanti e pulitori, servono solo ad attestare lo status da disoccupato: sono gli addetti stessi a dire che loro NON CHIAMANO..............e allora che cacchio li paghiamo a fare?
non esiste graduatoria, non esiste merito e per le richieste dai privati neanche un punteggio,,,,,,,,è roba da lotteria.

Commento inviato il 28-02-2014 alle 14:10 da fatti neri

il bastone e la carota
serviti: eccoci servita la carota dello scontrino detraibile ( come? si paga con la tessera sanitaria?), inutile per chi non ha un imponibile da cui detrarre, salvo non rendano il credito (chi lo calcola?) valido come moneta per pagare le tasse, ci arriva la bastonata dell'aumento aliquote comunali che, nota bene presto useranno per la base del calcolo dell'imponibile un "coefficiente" moltiplicatore per mq.
tradotto.....eccetto le città metropolitane ed ad alta valenza turistica dove si pagherà sempre tantissimo, al centro e nord si pagherà una virgola di meno che con vecchia imu, mentre al sud e isole arriverà la mazzata vera e propria in virtù dell'assenza della detrazione fissa.
ahi ahi ahi ahi paisàà che dolorrrrrrrrrr

Commento inviato il 28-02-2014 alle 13:59 da fatti neri

meditte gente
Ci sta bene così.............................pensate quanta gente e famiglie hanno risparmi e beni tali da superare come minimo 1.000.000,00 di €. Sono tante, ma tante, molto più di quanto immaginiate. Ve ne accorgerete di quante sono quando si andrà a votare, vedendo i voti che prenderà il PDL

Commento inviato il 28-02-2014 alle 13:55 da apritegliocchi

bravo renzi
ti fai subito riconoscere come nemico dei lavoratori e pensionati,amico dei banchieri

Commento inviato il 28-02-2014 alle 13:51 da franchino1

COMMENTI PRESENTI (14)Visualizza tutti i commentiScrivi un commento
Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Se sei già registrato inserisci username e password oppure
registrati ora

Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

EDIZIONI LOCALI
Falsi facchini, Firenze li caccia. E arrivano a Roma
Alla stazione di Firenze si erano resi protagonisti di furti, minacce,...
GUARDA TUTTE LE NEWS DI ROMA
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

«Bracciano, Federica Mangiapelo trascinata nel lago e annegata»: la perizia sulla morte di Federica

Trascinata fin dentro il lago e poi morta per annegamento, a dirlo è la nuova perizia depositata...

Camion fa crollare ponte a Roma: via Flaminia chiusa, bus deviati

​Traffico intenso sulla via Flaminia dove circa mezz'ora fa un ponte pedonale in cemento...

Va in ospedale per una circoncisione ma gli tagliano il pene

​Era stato ricoverato in ospedale per una circoncisione di routine e invece si è ritrovato...

Meteo, altro weekend instabile. Temporali fino ad agosto

​Piogge, temporali, sole temporaneo e poi ancora piogge, «è ormai la caratteristica di...

Grottammare, il numero 23 fa vincere da 5 milioni a una donna di 50 anni: caccia alla fortunata

GROTTAMMARE - Maxivincita da 5 milioni a Grottammare con il Nuovo Maxi Miliardario. grazie al numero 23.

CASA
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
Agevolazioni fiscali per una casa più sicura
Sconto Irpef del 50% su porte blindate, grate e telecamere
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009