seguici su Google+ RSS
Sabato 30 Agosto - agg.22:31
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Primo Piano

Legge elettorale, Renzi: «E' costituzionale, entro il 15 febbraio testo condiviso per superare il Senato»

Matteo Renzi
Matteo Renzi non è preoccupato dagli eventuali ostacoli, imboscate e franchi tiratori per l'approvazione della legge elettorale. «Certo - ha però aggiunto parlando a Canale 5 - quando vedo quanto accaduto ieri in aula penso ci sia bisogno che i parlamentare diano prova di saper decidere». Il segretario si dice anche «tranquillo e sereno» sul dibattito interno al Pd, dove «si discute e si decide».

«Non esiste» il rischio di incostituzionalità per la parte della nuova legge elettorale che prevede il premio di maggioranza, ha poi sottolineato Renzi. «Chi sostiene questa tesi vorrebbe una legge come nella prima repubblica, cioè il proporzionale come c'è stata fino al 1992. Com Berlusconi abbiamo scritto le regola insieme per non governare più insieme».

«In un mese dalle primarie si è fatto un accordo vero, che riguarda la legge elettorale, il superamento del Senato. Insomma si è fatto un bel pacchettino di riforme», ha detto il segretario del Pd.

«È normale che i piccoli partiti non apprezzino la nuova legge elettorale, ma agli italiani interessa che le cose si facciano, non se i partiti, piccoli ma anche grandi, hanno una poltrona in più o in meno», ha aggiunto Renzi. Per il segretario del Pd «non si può tornare a quando, come nel 2006, il premier annunciava una cosa ed il giorno dopo i partitini della coalizione la smentivano».

Renzi non intende per ora impegnare nessuno degli esponenti politici vicini a lui in un eventuale rimpasto di governo. «Assolutamente no», ha detto. «Non mi interessano le etichette ed i giochini da prima repubblica. Queste cose le decide Letta». Resta quindi all'opposizione? «Io sono all'opposizione di chi pensa di far politica per una poltrona in più».

Entro il 15 febbraio ci sarà un «testo condiviso per superare il Senato e chiarire i poteri delle Regioni», ha annunciato poi Renzi. «Siamo persone serie e andiamo avanti insieme proprio perché non vogliano governare insieme».

Nella riforma elettorale frutto della trattativa tra Renzi e Berlusconi non«c'è alcuna norma salva-Lega: a salvarci ci pensano i cittadini che ci votano». È quanto dichiara Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord. «Non abbiamo bisogno di aiuti e aiutini, ci aiutiamo da soli. È una legge elettorale raffazzonata e dal mio punto di vista pessima», ha aggiunto Salvini. «Nessuno ci è venuto incontro ma, a quanto leggo, si sono venuti incontro tra di loro, Pd e Forza Italia, che sono gli unici interessati a portare avanti questa legge elettorale», ha concluso.

Un voto convulso. Tra le urla e le proteste dei 5 Stelle. Arriva così il primo via libera alla legge elettorale. La commissione Affari costituzionali della Camera approva il testo dell'Italicum. Ma è un testo 'vecchio' quello che approda in Aula, frutto dell'accordo iniziale tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi, senza le modifiche concordate ieri tra i due. Quelle modifiche saranno discusse e votate direttamente in Aula. Dove da domani, con le pregiudiziali di costituzionalità, la legge è attesa alla prova del voto segreto. Il primo obiettivo è raggiunto: Renzi incassa l'approdo della legge elettorale nell'Aula della Camera entro la fine di gennaio. E subito rilancia: entro il 15 febbraio presenterà un «testo condiviso per superare il Senato e chiarire i poteri delle Regioni», ovvero le riforme costituzionali che dovranno procedere in parallelo con la riforma del voto. Il segretario Pd non si mostra preoccupato dalle insidie che rischiano di minare il cammino parlamentare, ancora lungo, dell'Italicum. Di fronte allo spettro dei franchi tiratori si dice «sereno». E ai mal di pancia dei piccoli partiti replica: «È normale non apprezzino la legge ma agli italiani interessa che le cose si facciano». È un subito carico di tensione, però, il cammino parlamentare della legge elettorale.

Non solo per le forti perplessità sul testo dei piccoli partiti e della minoranza Pd, ma anche per la protesta in atto a Montecitorio da parte del Movimento 5 Stelle. I deputati grillini si presentano infatti in massa alla seduta della commissione Affari costituzionali, che deve mandare il testo in Aula. E prima impediscono il voto degli emendamenti, bloccando la seduta notturna che era in programma. Poi in mattinata provano a impedire che si voti il mandato al relatore per l'Aula sul testo base che recepisce la prima versione dell'Italicum, senza modifiche. Si lanciano sul banco della presidenza, presidiato dai commessi della Camera. Ma il presidente Francesco Paolo Sisto, lesto, indice la votazione e il testo base passa, con il sostegno di Pd, FI e Ncd. Tra urla, proteste e qualche spintone tra grillini e altri deputati. L'Italicum è una «legge fatta per tagliare fuori il M5S», denuncia Beppe Grillo dal suo blog. Ed evoca il fascismo. Ma anche i piccoli partiti della maggioranza e dell'opposizione lamentano le modalità del voto in commissione. Lega e Fdi, non appena inizia il dibattito in Aula, chiedono di riportare subito il testo in commissione. E domani mattina la loro richiesta sarà messa in votazione. Così come saranno votate le 5 pregiudiziali di costituzionalità di Sel, PI, Fdi e M5S.

Su ognuna delle votazioni è prevista la possibilità di richiedere il voto segreto. Ed è questo lo spettro che alza la tensione, soprattutto dentro il Pd. Ancora fresco è il ricordo dei 101 franchi tiratori che hanno affossato Prodi. Se dovessero tornare in azione domani, la legge elettorale sarebbe subito affossata. E così anche la legislatura. Ma la minoranza assicura che la sua battaglia sugli emendamenti (da quelli sulle soglie e sulle preferenze a quelli per la parità di genere) la combatterà «a viso aperto». Lo ribadisce Gianni Cuperlo, in una riunione del gruppo in serata, in cui invita alla «compattezza» anche come risposta al M5S. Domani, dice il capogruppo Roberto Speranza, sarà per il giorno del «Pd pride» sulle riforme. Se si supererà lo scoglio delle pregiudiziali, dalla prossima settimana si entrerà nel vivo, con il voto degli emendamenti. In Aula tutti i partiti hanno ripresentato le proposte di modifica già depositate in commissione, incluso il Pd, che le aveva ritirate. In più, i tre contraenti dell'accordo, Pd, FI e Ncd, si dividono la presentazione degli emendamenti concordati: i dem firmano quelli sulle soglie (dal 35 al 37% e dal 5 al 4%) e sulla delega al governo per disegnare i collegi, Ncd quello sulle candidature multiple e FI il cosiddetto 'Salva Legà. I dem confidano che ci sia ancora spazio, in Aula, per altre modifiche concordate, come quella sulla parità di genere. Ma la segreteria ribadisce che si voteranno solo se c'è il via libera di FI. Intanto, Stefano Bonaccini, membro della segreteria renziana, risponde a muso duro al segretario della Lega Matteo Salvini che criticava la legge: «Se si mostra ostile, non saremo certo noi a spingere per il 'salva Lega'».
Giovedì 30 Gennaio 2014 - 10:16
Ultimo aggiornamento: Venerdì 31 Gennaio - 07:51
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
DAI LA TUA OPINIONE  
COMMENTI PRESENTI (28)Visualizza tutti i commentiScrivi un commento
l'italicum
è anti democratico, ma tanto a renzi che ie frega, ormai si sa la democrazia italiana è in mano a gente dubbia, pregiudicati, evasori fiscali, e la peggior feccia di amministratori loali e statali, insomma la democrazia è morta sepolta, w l'annarchia.zeppo

Commento inviato il 30-01-2014 alle 21:11 da zeppo

Dal 12% come sono arrivati al 4,5%?
Tutto questo rumore per portare lo sbarramento dal 4% al 4,5%. Ma le dichiarazioni iniziali erano 8% per le coalizioni e il 12% per i singoli partiti. Perchè si sono arresi?

Commento inviato il 30-01-2014 alle 21:08 da lugar1

caro Renzi
se sia costituzionale o meno poco importa , quello che importa e che sa tanto di presa per il ... fondello , alle prossime elezioni europee a avrai una prima sveglia .

Commento inviato il 30-01-2014 alle 20:46 da gl46

Cacciateli...
...via ...via... dall'Italia!...

Commento inviato il 30-01-2014 alle 20:18 da Tonymoss

Se ITALICUM
è costituzionale allora anche un somaro vero, quello con coda zampe ed orecchie da asino potrà con questa nuova legge essere eletto al Parlamento Italiano . Caro Caligola, come avevi ragione quando hai fatto senatore il tuo cavallo ! Avevi capito tutto del Senato di quei tempi che assomigliava moltissimo all'attuale parlamento Italiano!

Commento inviato il 30-01-2014 alle 19:39 da F_GG

COMMENTI PRESENTI (28)Visualizza tutti i commentiScrivi un commento
Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Se sei già registrato inserisci username e password oppure
registrati ora

Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

EDIZIONI LOCALI
La Bolla di Celestino V sarà esposta a Expo 2015
L'AQUILA - «La Bolla di Celestino V, la Bolla del Perdono, la Bolla...
GUARDA TUTTE LE NEWS DELL' ABRUZZO
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Iscriversi in palestra o in piscina: il certificato medico non serve più ma ti obbligano a pagarlo

​Chissà quante volte, andando a chiedere informazioni per iscriversi in palestra o in...

Donne yazidi e cristiane rapite e trasportate al mercato come bestie, per essere vendute. La foto-choc invade il web

Orrore senza fine. La storia delle ragazze cristiane nigeriane rapite dai fondamentalisti di Boko Haram si...

Nomine Ue, l'annuncio di Van Rompuy: «Federica Mogherini è Lady Pesc. Tusk presidente del Consiglio europeo»

Il Consiglio Europeo ha nominato il ministro degli Esteri italiano, Federica Mogherini, Alto rappresentante...

Muore per overdose in auto: gli amici si fanno un selfie col cadavere, lo postano su Facebook e poi lo scaricano

Si drogano, fanno un selfie con l'amico morto e poi abbandonano il cadavere. Chelsie Berry, 24 anni, e...

Meteo, ultimi due giorni di estate: con Elettra arriva il maltempo Previsioni

Ultimi due giorni di agosto all'insegna del bel tempo con il sole che prevarrà su gran parte...

CASA
Semplificazione amministrativa per pensioni ex Inpdap e ex Enpals
Procedure unificate, sistemi di pagamento allineati a quelli Inps
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009