Usa, calano le esecuzioni: mai così poche da 20 anni, nel 2013 giustiziate 39 persone

Campagna contro la pena di morte al Colosseo
di Anna Guaita
NEW YORK – Nell’anno che si chiude, gli Stati Uniti hanno messo a morte meno condannati che negli ultimi venti anni. E in parte il merito della diminuzione delle esecuzioni va alle case farmaceutiche europee, che rifiutano di vendere ai boia Usa il pentobarbital, uno dei farmaci utilizzati per paralizzare il cuore e il respiro dei condannati.

Le difficoltà di rifornimento di uno dei tre elementi necessari a eseguire l’iniezione letale capitano in una fase storica in cui l’approvazione della pena capitale è un po’ diminuita. Se 32 dei 50 Stati continuano a tenerla nella propria legislazione, solo 9 hanno portato a compimento delle esecuzioni quest’anno. Inoltre, nella stragrande maggioranza, se poste davanti a una scelta fra la pena capitale e l’ergastolo senza possibilità di libertà, le giurie preferiscono sempre più spesso l'ergastolo. E se nel 1996 le sentenze di morte furono 315, quest’anno sono state 79. Per questi detenuti comincia il lungo percorso di ricorsi e controricorsi: passano anni nel braccio della morte, prima che avvenga l'esecuzione.

In totale i condannati giustiziati nel 2013 sono stati 39. Sedici nel Texas e sette in Florida: questi due Stati rappresentano da soli il 60 per cento delle esecuzioni dell’anno che si chiude.

Dal 1976, quando a pena di morte è stata di nuovo resa legale dalla Corte Suprema, gli Usa hanno giustiziato 1359 persone. Nell’arco degli ultimi 40 anni, 143 detenuti nel braccio della morte sono stati messi in libertà perché trovati innocenti.

Su questo fronte l’Italia è all’avanguardia da vari anni. Insieme a gruppi internazionali come Amnesty International, insieme al movimento “Nessuno Tocchi Caino” e alla Comunità di Sant’Egidio, i nostri governi - sia quelli di centrodestra che di centrosinistra - sono stati fra gli sponsor della proposta di moratoria mondiale votata alle Nazioni Unite esattamente un anno fa. La moratoria aveva ottenuto 111 voti a favore, 41 contro e 34 astensioni.
Giovedì 19 Dicembre 2013, 19:09 - Ultimo aggiornamento: 20 Dicembre, 17:12
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
poraitalia
22:16:00, 2013-12-19
udite udite......
cerco adesioni per fondare una nuova onlus da contrapporre a nessuno tocchi Caino e vorrei chiamarla nessuno tocchi Abele, solo allora forse potrò credere che questo paese in cui vivo non sia solo conosciuto come il paese dei diritti negati, primo fra tutti la giustizia e la certezza della pena, perché così siamo noi che siamo penosi.
vitt
21:50:00, 2013-12-19
in un paese "civile e democratico" come gli USA
giustiziate 39 persone.....e la UE non si "indigna"!?!?!?!?
2
QUICKMAP