Iraq, cristiani in fuga. Voci di bombardamenti in Iraq. Il New York Times: «Già partiti i raid». L'azione per proteggere i profughi

Giallo sui raid aerei americani in Iraq. Secondo fonti curde i primi bombardamenti sarebbero giŗ iniziati, e New York Times e Wall Street Journal parlano di almeno due postazioni dei militanti dell'Isis colpite nel nord del Paese.

Ma subito √® arrivata la secca smentita del Pentagono, che ha parlato di notizie ¬ęassolutamente false¬Ľ, come ha detto il portavoce John Kirby. Anche fonti del governo di Baghdad hanno detto alla Cnn come tutte le operazioni aeree al momento incorso in Iraq sono condotte esclusivamente dalle forze irachene. Di certo in questa fase c'√® che il presidente americano, Barack Obama, dopo essersi nuovamente incontrato col team per la sicurezza nazionale nella Situation Room della Casa Bianca ha dato il via libera al lancio di aiuti umanitari - cibo e farmaci - sule popolazioni in fuga dall'esercito degli estremisti islamici. Gli aerei Usa si sarebbero gi√† levati in volo ma i lanci non sarebbero ancora cominciati, ha fatto sapere una fonte dell'amministrazione Usa.



Intanto il Consiglio di sicurezza dell'Onu in una dichiarazione approvata all'unanimit√† ha lanciato un appello alla comunit√† internazionale perch√® sostenga il governo iracheno, condannando le violenze dell'Isis e quella che viene definita una vera e propria ¬ępersecuzione¬Ľ delle minoranze religiose. Anche il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki moon si √® detto sconvolto dalle notizie che arrivano dall'Iraq e invita tutti ad intervenire per aiutare Baghdad.



Il New York Times,in particolare, spiega che a parlare di possibili bombardamenti Usa già in corso in Iraq è una tv curda di Erbil. Il Wall Street Journal riporta invece le affermazioni del ministro della difesa curdo, Anwar Hai Othman, secondo cui operazioni militari Usa sarebbero già in corso e alcuni caccia americani avrebbero colpito obiettivi degli estremisti dell'Isis nelle pianure del Sinjar, nel nord dell'Iraq, e vicino alla città curda di Erbil, nella provincia di Gwai. Di raid già iniziati da parte degli Usa parla anche un portavoce della forza militare curda dei Peshmerga. Nessuna di queste notizie è stata confermata dal Pentagono.
Giovedì 7 Agosto 2014 - Ultimo aggiornamento: 08-08-2014 08:34

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2014-08-08 08:01:00
Finalmente era ora andate alla grande di questi nessuno piangerà
2014-08-08 07:48:00
Obama alle crociate Stiamo tornando indietro di circa 1000 anni. Come al solito gli USA e qualche altro interessato al petrolio iracheno ora si accorgono che quelli dell'Isis stanno esagerando con le persecuzioni contro i cristiani Ed ora si rischia di scatenare una guerra di religione di cui non si conosce quale sarà la fine. Si rischia di creare una situazione esplosiva replicando la guerra che molti anni fa ci fu tra Iraq e Iran con circa 1 milione di morti. Quella volta nonostante gli aiuti militari degli USA , dell'Arabia Saudita ecc non si riuscì ad avere un vincitore ma comunque si riuscì a creare un potente dittatore in Iraq e una potente dittatura religiosa in Iran che si guardavano in cagnesco ma in pratica c'era una pace Ma questa volta forse è ancora peggio perchè si rischia di radicalizzare lo scontro tra cristiani e musulmani con i musulmani pronti a rappresaglie con attentati del tipo 11 settembre. E esiste anche un altro grosso rischio: allargare la guerra di religione nella zona africana dove già c'è stato il fallimento della primavera araba. Forse si è deciso di intervenire in ritardo quando già l'ISIS ha virato la guerra tra sciiti e sunniti in guerra anche contro i cristiani
2014-08-08 07:23:00
quando c'era Saddam l'Iraq era il paese arabo piu`laico che ci fosse... religioni diverse vivevano in pace fra loro...ilterrorismo veniva tenuto sotto contyrollo...Al Quaeda nn sapevano nemmeno che cosa fosse...poi sono arrivati loro , gli americani...e dove arrivano loro,pianto, distruzione e morte.PUNTO.
2014-08-07 23:37:00
GENTILE SIGNORA MERKHER ELLA RAPPRESENTA LA GRANDE GERMANIA E LA GUIDA DI TUTTA L'EUROPA UNITA, Le smbre giusto che una banda selvaggia di arabi musulmani trasgredenti a ogni manifestazione di civiltà e comporensuione possano mettere le mani dappertutto e cingere oltre centomila CRSITIANI d'assedio come potere ricattatorio verso l'Occidente ?. Questa Europa,è vero che sta pagando uno scotto economico per averLa come guida e allora, è arrivato il momentio affinchè ci dimostri che al contrario di una volta nella quale patimmo le pene dell'inferno per una germania nazista, Ora,questa Germania moderna si attivi affinchè difendi dai selvaggi sanguinari i suoi connazionali dell'Europa Unita. nicola guastamacchia.
2014-08-07 23:09:00
Ancora..... Ancora ci stai pensando !!!!!!!!!! E quando cominci sarà già troppo tardi !!!!!!!!!!!!!
QUICKMAP